Lizzano: il sindaco ordina ai carabinieri “prendete quelli in chiesa!”

E’ accaduto a Lizzano, in provincia di Taranto, dove dei manifestanti protestano davanti alla chiesa dove si recita il Rosario in difesa della famiglia.
 Il sindaco di Lizzano ordina ai carabinieri "prendete quelli in chiesa"
Photo web source
Tra loro anche il sindaco di Lizzano che ordina ai carabinieri intervenuti, di andare a prendere “quelli” in chiesa.
L’iniziativa di preghiera sotto accusa si è svolta a Lizzano come in tantissime altre città d’Italia e anche sul web in difesa della famiglia.A questo punto ci domandiamo se noi cattolici non siamo più liberi di trovarci per pregare. O se dobbiamo chiedere il permesso alle amministrazioni comunali, e farci opzionare le intenzioni per le quali siamo autorizzati a pregare e quali no. Visto che il sindaco di Lizzano, Antonietta D’Oria, ha scritto una lunga lista di intenzioni più meritevoli, a suo parere, di quella scelta da un gruppo di fedeli della chiesa di San Nicola a Lizzano. Trascurando che quel gruppo di fedeli, come tanti altri gruppi, per esempio il nostro, magari prega anche per tutte le altre intenzioni da lei elencate.

La grave invadenza di campo del sindaco di Lizzano

“Allora prendete quelli che stanno dentro – riferendosi proprio ai parrocchiani – perché è una vergogna per Lizzano, Lizzano è un paese democratico”.

Queste le parole della sindaca che urla ai carabinieri quello che devono fare e cioè andare a prendere “quelli”, cioè persone degne di essere chiamate tali, che stanno pregando. Su una cosa concordiamo: è una vergogna per Lizzano, Lizzano è un paese democratico. E’ una vergogna che il suo sindaco voglia impedire alle persone di pregare e addirittura scegliere per quali intenzioni. Le ricordiamo che non solo Lizzano ma l’Italia è una Paese democratico. E quindi le persone sono libere di professare e di pregare per ciò in cui credono, la famiglia e i valori cristiani che la proposta di legge Zan mette in grave pericolo. 

Lo afferma l’articolo 19 della Costituzione italiana:”Tutti hanno diritto di professare liberamente la propria fede religiosa in qualsiasi forma, individuale o associata, di farne propaganda e di esercitarne in privato o in pubblico il culto, purché non si tratti di riti contrari al buon costume”. E fino ad oggi le uniche manifestazioni contrarie al buon costume, a cui abbiamo assistito, sono proprio quelle che vedono protagoniste le associazioni LGBT, da cui molti stesse persone omosessuali prendono le distanze.

L’Italia è fondata sulla libertà di professare la propria fede

E’ inoltre evidente che la sindaca di Lizzano non ha compreso che la preghiera non è contro le persone che provano attrazione per lo stesso sesso. Ma contro una legge ingannevole che non tutela neppure loro. E che se dovesse essere approvata andrebbe a minacciare un diritto fondamentale della nostra Costituzione, il diritto alla libertà di opinione.

Il diritto a poter continuare a dire, che crediamo che la famiglia sia formata da un uomo e da una donna, e che un bambino ha diritto ad avere una mamma e un papà. E a credere ciò, non siamo solo solo noi cattolici retrogadi, ma le stesse persone dichiaratamente omosessuali, tra le più note per esempio Platinette e Malgioglio. E non si può certo accusarli di essere omofobi.

Quindi, la preghiera è a tutela al diritto di opinione che è ora minacciato dal Ddò Zan, e di conseguenza la famiglia, ma non solo. Se verrà approvato, saranno molte le conseguenze. Per esempio, non si potrà più impedire ad un uomo che si sente donna, di entrare nello spogliatoio femminile. E ci domandiamo se la prima cittadina di Lizzano ha delle figlie femmine, e se ha tenuto conto di questa possibilità, e se lei o le mamme di Lizzano sono contente di ciò. A proposito, non si potrà più dire “mamma” sarebbe offensivo e quindi discriminatorio nei confronti delle coppie di uomini.

Lizzano: il Ddl Zan impedisce la libertà di opinione

Ci rendiamo conto che la battaglia che stiamo portando avanti viene troppo spesso distorta e ridotta a un essere contro le persone omosessuali. Ogni persona è degna di rispetto, indipendentemente dal suo orientamento sessuale. E questo non si discute. Il nostro ordinamento giuridico condanna  già ogni atto di violenza verbale o fisica contro chicchessia.

Ma non si può ingannare la gente. Il Ddl Zan non è per la tutela, questo la legge già lo fa. Ma vuole introdurre il reato di omostransfobia, non definito dal legislatore e quindi interpretabile. Quindi anche la mia, la tua, la nostra opinione non conforme al pensiero unico, potrà rientrare tra i reati perseguibili per legge, a discrezione del giudice.

Ddl Zan un pericoloso attacco alla nostra libertà
Photo web source

E la pena prevede il carcere fino a un anno e sei mesi. Oltre l’imposizione della rieducazione presso le realtà LGBT. Noi, in tutto ciò non ci vediamo nulla di democratico. 

Simona Amabene  

@Riproduzione riservata 

Segui tutte le nostre News anche attraverso il nuovo servizio di Google News, CLICCA QUI

 

 

 

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Lalucedimaria.it scrivendoci al seguente indirizzo: [email protected]