I laici non possono assolutamente fare esorcismi!!!

esorcisti-due

L’esorcismo è un sacramentale concesso esclusivamente ai preti esorcisti su autorizzazione del Vescovo, per questa ragione un rituale di esorcismo non può essere praticato dai Laici, non è dunque possibile per un laico pregare per allontanare il diavolo?

 

La risposta a questo interrogativo l’ha fornita Marcello Lanza nel suo libro “La lotta contro Satana nella vita mistica”: egli ci dice che ci sono solamente un numero prefissato di preghiere che noi laici possiamo recitare per tenere lontano il diavolo, si tratta di specifiche preghiere di liberazione utili ad allontanarlo da se stessi ma che non possono fungere da intercessione per altri.

 

Lanza ci spiega che per la prima volta nel magistero degli esorcismi sono apparse cinque preghiere di liberazione, la cui spiritualità risiede in occasioni particolari ma la cui natura è sempre la stessa, ovvero la liberazione dal potere dei demoni: “Percezione di casi di aggressione diabolica, liberazione da paura e timore, richiamo al sacramento del battesimo e alla libertà dei figli di Dio intaccata da Satana, liberazione dalle tenebre”.

 

Le orazioni, però, non sono l’unico strumento attraverso cui ci possiamo difendere da Satana, il laico, infatti,  può fare affidamento alle invocazioni (invocazione della Santissima Trinità, della Madonna, di Cristo Signore e di San Michele Archangelo), pensate ad esempio all’invocazione della Santissima Trinità:se questa è sincera ricerca di comunione con Dio è già di per sé una preghiera di liberazione, senza la necessità di formule specifiche, da questo deriva che lo strumento più efficace contro Satana è la conversione.

 

Se la conversione è lo strumento ideale per l’allontanamento da Satana, l’arma con cui lottare quotidianamente è l’esempio di Gesù: se seguiamo costantemente i suoi insegnamenti, il diavolo non potrà intaccare la nostra fede e sarà costretto a lasciarci in pace. Compreso questo, le preghiere di liberazione non sono più efficaci, perché se non si segue l’esempio di Gesù, non lo si accompagna alla croce e quindi non si accettano i sacrifici che portare quel peso comporta, il diavolo ha già vinto.

 

Basta pensare alla passione ed alla crocifissione di Gesù, egli vince satana proprio nel momento in cui accetta che per il perdono dei peccati degli uomini sono necessari i patimenti e la morte: “Padre perdonali perché non sapevano cosa facevano”. Proprio per questo lo strumento che ha maggiore forza contro il diavolo è la conversione, il perdono dei peccati, perché proprio il perdono è ciò che ha sconfitto gli intenti maligni del demonio.