La meditazione del giorno a cura di Don Gaetano

SABATO FELLA XXX SETTIMANA DEL TEMPO ORDINARIO – san Carlo Borromeo

Dal Vangelo secondo Luca

Un sabato Gesù si recò a casa di uno dei capi dei farisei per pranzare ed essi stavano a osservarlo.
Diceva agli invitati una parabola, notando come sceglievano i primi posti: «Quando sei invitato a nozze da qualcuno, non metterti al primo posto, perché non ci sia un altro invitato più degno di te, e colui che ha invitato te e lui venga a dirti: “Cédigli il posto!”. Allora dovrai con vergogna occupare l’ultimo posto. Invece, quando sei invitato, va’ a metterti all’ultimo posto, perché quando viene colui che ti ha invitato ti dica: “Amico, vieni più avanti!”. Allora ne avrai onore davanti a tutti i commensali. Perché chiunque si esalta sarà umiliato, e chi si umilia sarà esaltato».
( Lc 14, 1.7-11)

Nel mondo si corre per avere i primi posti, per essere lodati e ricevere riconoscimenti e premi. Questa mentalità che é tipicamente mondana la troviamo purtroppo anche nelle nostre comunità di credenti. É una mentalità che viene dai cuori non ancora convertiti del tutto. Gesù , con tutta la sua vita, ci insegna a scegliere sempre l’ultimo posto, ad essere umili e semplici e a considerare un grande onore essere stati invitati e chiamati a servire il Regno di Dio. Curiamo questo aspetto del servizio e rimaniamo nel silenzio e nel ringraziamento per i doni ricevuti. Se poi il Signore che ci ha chiamato ci porrà in alto, accogliamo questa grazia rimanendo umili . Questa mentalità evangelica ci aiuterà a superare ogni sentimento di arrivismo e di invidia e gelosia; piuttosto lodiamo il Signore per i carismi con cui arricchisce la sua Chiesa nella persona dei nostri fratelli. La Vergine Maria, l’umile ancella del Signore, ci aiuti a vivere come lei, perché “chi si esalta sarà umiliato, ma chi si umilia sarà esaltato” . Buona giornata.

Con l’intercessione di San Carlo vi benedico. Don Gaetano