La meditazione del giorno a cura di Don Gaetano

MERCOLEDI’ DELLA XXVII SETTIMANA DEL TEMPO ORDINARIO – San Giovanni XXIII

Dal Vangelo secondo Luca

Gesù si trovava in un luogo a pregare; quando ebbe finito, uno dei suoi discepoli gli disse: «Signore, insegnaci a pregare, come anche Giovanni ha insegnato ai suoi discepoli».

Ed egli disse loro: «Quando pregate, dite:
Padre,
sia santificato il tuo nome,
venga il tuo regno;
dacci ogni giorno il nostro pane quotidiano,
e perdona a noi i nostri peccati,
anche noi infatti perdoniamo a ogni nostro debitore,
e non abbandonarci alla tentazione».
( Lc 11, 1-4 )

Il cuore del rapporto fra noi e il Signore é quello del figlio che con fiducia si rivolge a Lui, innanzitutto per glorificare e lodare la sua grandezza e misericordia: “sia santificato il tuo nome”. Vivendo già nel seno del Padre, chiede che tutti possano sperimentare la sua paternità e il suo amore: “venga il tuo regno“. Con grande abbandono si affida a Lui per essere sostenuto in questo pellegrinaggio terreno: “dacci ogni giorno il nostro pane quotidiano”. Poiche’ chi sperimenta la  fragilità e il peccato, si presenta a Lui per implorare il perdono, pronto sempre a perdonare i suoi debitori: “perdona a noi i nostri peccati, come anche noi infatti perdoniamo a ogni nostro debitore”. Nella lotta, poi, contro il male chiede che il Padre non lasci nel momento della tentazione: “e non abbandonarci alla tentazione”. Questo rapporto filiale, nella preghiera, é sempre vissuto in comunione con tutti i fratelli di fede..
“Signore, insegnaci a pregare”.

Buona giornata. Vi benedico. Don Gaetano