La Meditazione del giorno a cura di Don Gaetano

 

 

“In verità, in verità io vi dico: chi non entra nel recinto delle pecore dalla porta, ma vi sale da un’ altra parte, è un ladro e un brigante. Chi invece entra dalla porta è il pastore delle pecore. Il guardiano gli apre e le pecore ascoltano la voce: egli chiama le sue pecore, ciascuna per nome, e le conduce fuori. È quando ha spinto fuori le sue pecore, cammina davanti ad esse, e le pecore lo seguono perché conoscono la sua voce” ( Gv 10, 1-10 ).

Le nostre anime conoscono la voce del vero Pastore, perché è la voce di Colui che da sempre le ama; l’ amore infatti ci fa riconoscete colui che è venuto e viene per condurre fuori, nei pascoli di vita, l’umanità intera! Il Pastore delle pecore infatti entra nel recinto dalla porta e il guardiano gli apre perché lo conosce: viene a noi, cioè nel rispetto della nostra libertà e il nostro cuore con grande fiducia si apre a Lui, perché conosce la sua voce. Così lo segue; chiamato per nome, si lascia guidare con fiducia, e poiché il pastore cammina davanti per segnare la strada, con gli occhi fissi su di lui, cammina sicuro fino al verde pascolo. In questa IV Domenica di Pasqua, Giornata di preghiera per le vocazioni, ringraziamo il Padre per averci mandato il Buon Pastore che conosce le nostre anime che per noi dona la vita._ Preghiamo perché in ogni pastore che egli ci dona, lui stesso sia presente per continuare a raccogliere il gregge del Signore. Preghiamo per la santificazione dei sacerdoti, ma anche per la santificazione dei genitori che in ogni famiglia hanno il compito del Buon Pastore per guidare la loro piccola porzione del gregge loro affidato. Il Signore molti ne mandi ancora in questo mondo così tanto bisognoso di sante guide.

*Buona domenica* . Vi benedico. Don Gaetano