La Ferilli attacca il Papa e difende Marino. Delle sue dichiarazioni ne avevamo bisogno?

3ff424f7636245efbd9cf40acf37cc06

Ormai viviamo in un mondo dove è dato a tutti di parlare, ed è anche giusto visto che siamo in piena libertà di espressione , ma questo non significa  che poi sia necessario farlo sempre .

Prendiamo il caso del sindaco di Roma Marino che ormai è diventato il bersaglio preferito dei comici e non solo, questo a causa delle sue azioni non sempre trasparenti visto che sono motivo di indagine da parte della magistratura , ma ancora più eclatanti sono state le dichiarazioni del Papa che hanno in qualche modo sconfessato quelle del sindaco di Roma, e la cosa devo dire è stata abbastanza imbarazzante di per se.

Come se non bastasse sono arrivate inopportune come non mai le dichiarazioni  dell’attrice Sabrina Ferilli  che ha di fatto attaccato il Santo padre reo secondo lei di aver ridicolizzato Marini. Ecco le sue parole: “Bergoglio non se lo poteva permettere” risuonano come un’accorata difesa del buon Ignazio così ha dichiarato durante una intervista rilasciata al Fatto Quotidiano che prosegue “Che il Papa si senta in dovere di fare un comunicato per sputtanarlo è – posso dirlo? – decisamente inaudito. Tutta la stima e la deferenza, ma Bergoglio non se lo poteva permettere.” La Ferilli si è detta pronta a rivotare Marino e lo ha invitato a resistere ma non ha risparmiato critiche che stonano con la difesa. “Un uomo inadeguato – ha dichiarato al Fatto Quotidiano –  è figlio di questo tempo e partecipe dei successi di questa nuova classe dirigente che fa dell’apparenza la propria cifra, l’essenza dell’esistenza. Il sindaco di Roma c’è stato sempre nelle belle notizie, pronto a mettere il suo sorriso davanti all’aiuoletta pulita, a spumeggiare di felicità nella celebrazione del matrimonio tra gay, ad annunciare ora la pedonalizzazione, ora la bonifica. Con gli annunci oppure in compagnia delle belle notizie lui è sempre stato presente. Con le brutte, con i Casamonica re di Roma, è andato ai Caraibi.” “Fugge dalla vita vera – ha continuato –  Fugge esattamente come Matteo Renzi, il capostipite di questa mejo gioventù. Ieri Roma bruciava e il premier era con le eccellenze emiliane. Sempre pronto e in prima fila alla partita di tennis, in ultima quando deve avere occhi per gli ultimi. So’ uguali uguali. Ma Marino ha un atout che Renzi non può permettersi di vantare: è fuori dalla fanghiglia del potere dei predatori”.  La Ferilli è pronta a votare di nuovo Marino ma difficilmente i romani rivedranno il nome dell’ex sindaco su una scheda elettorale.

Adesso siamo arrivati al punto che persino la Ferilli una grande attrice per carità, si metta a suggerire al Papa cosa deve e non deve fare , ma il rispetto dei ruoli dove è finito ? Ma soprattutto perchè la Sabrina nazionale non si chiede per quale motivo il Santo Padre ha fatto una dichiarazione dicendo che il sindaco Marino non era stato invitato da lui, forse perchè qualcuno stava cercando di speculare sulla figura del Sommo Pontefice? Ai posteri l’ardua sentenza.