La commovente storia di Poppy.

 

 

 

La storia di Poppy, bambina inglese di 2 anni, è molto commovente, due mesi fa rischiava di morire per una ipossia (mancanza di ossigeno al cervello) ma è stata salvata dalla sorella più grande che è riuscita a farla riprendere con delle pernacchie nel pancino.

 

La vita di questa bambina è stata difficile sin dal primo giorno, nata prematuramente dopo sole 29 settimane di gravidanza, ha dovuto affrontare tre mesi nell’incubatrice al reparto di neonatologia. Una volta a casa (la piccola pesava solo 1,8 kg) per nove mesi ha avuto bisogno di un respiratore meccanico per poter sopravvivere.

 

Superato il problema del respiratore i genitori si sono accorti che la piccola non riusciva a mangiare e dopo un controllo in ospedale le è stato riscontrato il morbo di Moebius, patologia che comporta il malfunzionamento dei muscoli della faccia, qui i medici hanno detto ai genitori che la piccola avrebbe potuto avere problemi a parlare e camminare.

 

Nonostante le previsioni catastrofiche la bimba ha cominciato a parlare e gattonare a 15 mesi (periodo normale per un bambino nato prematuramente), tutto sembrava andare per il meglio finché due mesi fa è stata trovata priva di coscienza. Il viaggio in ospedale ha portato alla diagnosi dell’ipossia ed alla conclusione che per Poppy ormai ci  fossero poche speranze.

 

Sconfortati e depressi, i genitori della bambina si sono recati in chiesa per accendere un cero ed affidare la figlia a Dio con le loro preghiere. Il giorno dopo si trovavano in ospedale fuori dalla stanza di Poppy, quando ad un tratto sentono la piccola che ride, entrano di botto e trovano la figlia maggiore Macey (14 anni) che le fa delle pernacchie nella pancia.

 

I medici spiegano che si tratta di un riflesso e che difficilmente Poppy tornerà a camminare e parlare, ma dopo qualche giorno la piccola stupisce tutti e adesso parla e gattona più di prima. Per recuperare la piena mobilità, però, la giovane gladiatrice dovrà affrontare una dura sessione di fisioterapia per la quale i genitori raccolgono denaro da due settimane. Una volta raggiunta quota 6 mila euro, Poppy sbarcherà in una clinica specializzata in fisioterapia che si trova qui in Italia per continuare a sorprendere tutti.