La bimba illesa dopo una caduta di 9 metri: “Ho visto il Paradiso, ero con Gesù”

Da piccola soffriva di una serie di sintomi che rendevano difficile per lei anche mangiare, e i suoi genitori dovevano somministrarle oltre dieci tipi diversi di antibiotici e antidolorifici. Dopo uno spaventoso incidente, in cui è uscita miracolosamente illesa, la piccola Annabel non solo è guarita da diverse patologie, ma ha raccontato di aver visto il Paradiso e Gesù.

 
Annabel Wilson Beam (Mirror.co.uk)
 A riportare i fatti è il Mirror. La ragazzina, che oggi ha 12 anni, all’inizio del 2012 fu vittima di una spaventosa caduta di quasi nove metri in un albero cavo. La piccola rimase priva di sensi, e i genitori iniziarono a temere subito il peggio. I soccorsi arrivarono tempestivamente e in ospedale erano state già allertate tutte le unità di terapia intensiva, dal momento che salvare Annabel appariva come un’impresa disperata. Una volta giunta al pronto soccorso, la piccola riprese conoscenza e i medici rimasero sorpresi quando, dopo una serie di esami strumentali, Annabel appariva in perfetta salute, escludendo alcune cicatrici e lividi superficiali.

Quello che la piccola raccontò nei giorni successivi all’incidente, però, è sconvolgente: «Dopo essere svenuta, ricordo di aver visto un angelo guardiano del paradiso. Era Dio che mi parlava attraverso di lui, e ho visto le porte dorate del Paradiso. Una volta arrivata lì, mi ha detto: ‘Ora ti lascio, andrà tutto bene’. Poi sono entrata e mi sono anche seduta accanto a Gesù, aveva una tunica bianca, carnagione scura e capelli e barba lunghi. Lui mi ha detto: ‘Non è ancora la tua ora’. Ho visto anche nonna Mimi (la bisnonna di Annabel, morta nel 2010, ndr)».

La mamma di Annabel, la 42enne Christy, crede in tutto e per tutto al racconto della figlia: «Era preciso e dettagliato, non sembrava lungo o un po’ campato in aria come quando Annabel racconta di un sogno o di un film che ha visto. E mia figlia ha già vissuto un’infanzia troppo difficile per poter scherzare su cose così drammatiche». Il racconto di quella giornata, e dell’esperienza vissuta da Annabel, è diventato un libro scritto dalla mamma, Miracles from Heaven.