Kenya: arrestato uno dei presunti rapitori di Silvia Romano

Silvia RomanoKenya: arrestato uno dei rapitori di Silvia Romano, la cooperante rapita lo scorso 20 novembre.

L’Italia intera è stata scioccata dalla notizia del rapimento di Silvia Romano, 23enne cooperante della Onlus ‘Africa Milele‘ in Kenya. Sin dal giorno del sequestro la polizia locale sta lavorando alacremente per rintracciare il luogo in cui è detenuta la ragazza milanese, è stato offerto persino 1 milione di scellini (circa 8.500 euro) a chiunque condivida con le forze dell’ordine notizie utili a rintracciare i tre sospettati. Fino ad oggi, però, vi erano state solamente rassicurazioni sul fatto che la ragazza fosse ancora viva e nessun risultato concreto nelle indagini.

Arrestato uno dei rapitori di Silvia Romano

Buone notizie sul prosieguo delle indagini sono arrivate questa mattina dal ‘Daily Nation‘, principale quotidiano keniota. Sul giornale, infatti, viene scritto infatti che uno dei tre sospettati del rapimento della cooperante italiana, Ibrahim Adan Omar, è stato arrestato dalla polizia domenica sera nei pressi di Tana River. La notizia dell’arresto è stata confermata anche dal capo regionale della polizia James Akoru, il quale ha aggiunto che l’uomo è stato trovato in possesso di un fucile d’assalto AK 47 (lo stesso utilizzato durante la scorribanda al mercato di Chaka) e di 100 munizioni.

Con l’arresto di Omar, la polizia spera di riuscire ad avere delle notizie sul luogo di detenzione della cooperante, nel frattempo viene ribadita l’offerta di un milione di scellini a chiunque fornisca informazioni utili all’arresto degli altri due sospettati: Yusuf Kuno Adan e Said Adan Abdi. Si pensa che i rapitori abbiano portato la ragazza nella foresta ed è possibile che Omar stesse facendo dei rifornimenti prima di tornare nel luogo di detenzione. Non ci sono invece ulteriori notizie sullo stato di salute della ragazza, i parenti sperano che presto questa disavventura possa giungere al termine e di poter riabbracciare nuovamente Silvia.

Segui tutte le nostre News anche attraverso il nuovo servizio di Google News, CLICCA QUI

Luca Scapatello