Julen è stato raggiunto. Il suo corpo era privo di Vita, RIP nella pace piccolo Angelo

Julen, il bimbo nel pozzo purtroppo non ce l’ha fatta

E’ la risposta, alla domanda sulla sua resistenza in quel pozzo, che tutti temevamo ma che nessuno voleva accettare. L’inesorabile sentenza è giunta verso le 1:25 direttamente dal luogo dove i soccorritori avevano appena raggiunto il corpo del bambino privo di vita.

Quella di Julen è una storia straziante che non può che riportare alla memoria quella tragedia che si compì oltre trent’anni fa nelle campagne romane. Un ricordo, quello di Alfredino Rampi che con l’aiuto di Dio, avremmo volutotener lontano da questa realtà.

Nonostante questo fatto increscioso dove praticamente tutto il mondo si sta preoccupando per questa povera creatura destinata nel profondo di un pozzo dando importanza alla vita, a New York poche ore fa hanno deciso disumanamente che la Vita di un neonato non vale come quella di un adulto e quindi hanno approvato una legge diremmo disumana –> LEGGI QUI L’ABOMINIO LEGALIZZATO A NEW YORK!


La preghiera è stata incessante

Sono molti i fedeli che si sono uniti in preghiera in tutto il mondo per chiedere questa grande grazia e noi ci uniamo a questi in quanto solo un miracolo può ridarci Julen vivo dopo tredici giorni in un pozzo.
Il bambino non ce l’ha fatta ma sappiamo che Dio non lascia mai morire nessuno senza effetti di Grazia maggiori.

L’estremo tentativo di salvataggio non è andato a buon fine – Live

Il tentativo di salvataggio ormai giunto all’epilogo, conferma purtroppo che il piccolo Julen è stato trovato morto nel pozzo dov’è caduto da quasi 2 settimane, vi segnaliamo il Video Live delle operazioni.

RIP Julen il piccolo Angelo che ha fatto vibrare i cuori di tutto il mondo !

PREGHIAMO COSI’ PER LA SUA PERDITA

 

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Lalucedimaria.it scrivendoci al seguente indirizzo: [email protected]