Islamico entra in Chiesa e distrugge antico crocifisso del 700..

 

12006254_1660457500886893_2443330638990700689_n

Per carità essere accoglienti ed ospitali va bene , e nessuno lo mette in discussione, ma è altrettanto vero che chi viene accolto ed ospitato deve altre sì rispettare la cultura e le tradizione di chi lo accoglie. Ultimamente c’è questa strana tendenza a non voler ricordare che il nostro paese si fonda su antiche e storiche tradizioni cristiane, alle quali noi non intendiamo di certo rinunciare.Forse i nostri governanti lo fanno, per accaparrarsi voti e consensi ma il popolo italiano si rifiuta, anzi ribadisce con forza che certi valori non sono negoziabili..L’episodio che vi raccontiamo non è certo un atto di intolleranza sporadico, per questo diciamo con forza che chi non è in grado di rispettare o tollerare la nostra fede e cultura non è in grado di integrarsi e quindi di essere ospitato nel nostro paese. Questo non è razzismo, noi ci facciamo portavoce di quelli che non intendono rinunciare ai simboli cristiani nelle scuole, al presepe a natale, ai canti religiosi nelle scuole e a tante altre cose…

E’ entrato in chiesa come una furia, dando in escandescenze. Non una chiesa qualsiasi, ma una delle più belle di Venezia: San Geremia, che ospita le spoglie di Santa Lucia. Protagonista del fatto un giovane magrebino, pare da poco arrivato dalla Francia, che urlando “E’ sbagliato!” ha afferrato un prezioso crocifisso del ‘700 e lo ha gettato a terra, danneggiandolo gravemente. Il custode e alcuni parrocchiani lo hanno bloccato e immobilizzato, prima di consegnarlo ai carabinieri.