Viaggio apostolico in Iraq, card. Sako: “L’arrivo del papa aprirà ad una nuova mentalità”

Come hanno reagito gli iracheni al desiderio di papa Francesco di visitare l’Iraq?

La notizia della visita del papa è stata accolta con grande gioia, soprattutto dalle comunità cristiane.

Cardinale Sako: "La visita del papa aprirà ad una nuova mentalità"
(Getty Images)

Il desiderio del papa di visitare l’Iraq

A causa del diffondersi del gruppo estremista ‘Isis‘, l’Iraq ha vissuto un periodo molto complesso. I terroristi islamici hanno creato un regime del terrore in cui le minoranze venivano torturate o sfruttate. Solo in seguito agli sforzi di Stati Uniti, Curdi e Russia, il Paese mediorientale è stato liberato dalle forze di occupazione. Oggi la situazione è migliorata, ma c’è molto da ricostruire e costruire, affinché non si ripeta quanto accaduto nel recente passato.

Papa Francesco è a conoscenza della situazione che cristiani e musulmani stanno vivendo in Iraq. Proprio per questo motivo il suo desiderio è quello di poter affrontare un viaggio apostolico nel Paese. Così facendo potrebbe dare speranza nella vita ed in un futuro di pace in cui le varie religioni contribuiscano a far rinascere la nazione ed i suoi abitanti. Proprio ieri, infatti, il Santo Padre ha dichiarato: “Un desiderio ed un pensiero insistente mi accompagna pensando all’Iraq. Ho volontà di andarci il prossimo anno per guardare ad una convivenza pacifica e alla costruzione della pace e del bene comune in quelle zone, grazie anche all’aiuto di tutte le componenti religiose lì presenti”.

Viaggio Apostolico in Iraq, Card. Sako: “Il papa può aprire le porte ad una nuova mentalità”

Secondo quanto riferito dal cardinale Sako a ‘VaticanNews‘: “Tutti coloro che abbiamo incontrato per le strade, musulmani e cristiani, hanno mostrato una grandissima gioia”. Alla notizia della possibile visita apostolica nel corso del prossimo anno, i fedeli cristiani hanno esultato gridando alleluia, ha aggiunto inoltre il patriarca Barzani. Insomma pare che tutti abbiano accolto con estrema gioia la volontà del papa e che il viaggio possa essere organizzato senza troppe difficoltà.

Riflettendo infine sulle parole pronunciate dal pontefice, il cardinale Sako ha dichiarato che bisogna prima di tutto ricostruire l’uomo e poi il materiale. Quindi ha aggiunto che c’è bisogno di: “una formazione solida, un’apertura e un rispetto reciproci per la vita, la pace, la natura: penso che la visita del Papa aprirà la porta per una nuova mentalità, una nuova cultura”.

Segui tutte le nostre News anche attraverso il nuovo servizio di Google News, CLICCA QUI

Luca Scapatello

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Lalucedimaria.it scrivendoci al seguente indirizzo: [email protected]