Intervista al Responsabile Italia di di Mary’s Meals Italia Francesco Stefanini.

MarysMeals_otherlogo

Abbiamo intervistato in esclusiva il responsabile italiano di Mary’s Meals Italia Francesco Stefanini che ci parla di questa fantastica iniziativa a favore dei bambini più poveri, che rientra nel programma mondiale di alimentazione a cui sono iscritti oltre un milione di bambini in tutto il mondo.

Che fantastica notizia avete riferito oggi?

Mary’s Meals sta ora, in questo momento, proprio mentre parliamo, alimentando l’impressionante numero di 1.035.637 bambini in tutto il mondo, tra i paesi piu’ poveri al mondo, in ben 12 paesi. Questo vuol dire che 1.035.637 bambini sono iscritti al nostro programma mondiale di alimentazione e stanno beneficiando di un pasto quotidiano, nutriente, per ogni giorno di scuola, per tutto l’anno scolastico, e anche oltre. Celebrazioni di gioia e festaggiamenti sono in cors in tutto il mondo per questo bellissimo traguado, soprattutto in Malawi, dove Mary’s Meals e’ partita. Specialmente le cebrazioni stanno avendo corso nel distretto di Machinga, nella scuola Chirimba Primary School. Oggi in Malawi Mary’s Meals sta alimentando il 25% dei bambini che frequentano in tutto il paese la scuola primaria, cio’ vuol dire che un bambini su quattro beneficia del pasto di Mary’s Meals.

Cosa vuol dire questo, quale e’ la vostra mission?

Mary’s Meals garantisce e offre un pasto quotidiano per le scuole e i luoghi di istruzione ‘dei’ e ‘tra’ i paesi piu’ poveri al mondo. Il pasto blocca la fame, favorisce l’istruzione e migliora l’apprendimento. Il pasto – di solito offerto ai bambini tra le 9 e le 10 del mattino – permette ai bambini di frequentare la scuola, sia per i bambini che sono iscritti, con piu’ motivazione, sia per chi non e’ iscritto, offrendo una nuova prospettiva. Quando Mary’s Meals arriva in una comunita’ aumentano del 24% in 6 mesi le iscrizioni dei nuovi bambini, sino al 50% come nel caso della Liberia. Di solito aumenta anche del 50% la frequenza scolastica. Migliaia di bambini non possono frequentare la scuola perche’ presi a procurarsi il cibo tutto il giorno, in questo modo il presente e il futuro, ossia cibo e istruzione, non sono certi. Il bambino non riesce ad andare a scuola perche’ passa tutto il suo tempo a pescare, a cacciare il suo cibo, a sopravvivere all’oggi, all’immediato. Le sue energie sono tese a mangiare, a soddisfare il bisogno dell’oggi, ma facendo cosi’ smette di creare il suo futuro, la sua vita, di potersi permettere lo studio e quindi di potere emanciparsi dalla poverta’. Cosi la poverta’ alimenta se stessa. Mary’s Meals ferma questo ciclo perverso, aiutando i bambini a mangiare e a godere dell’istruzione, modificando i numeri della poverta’, impietosi, e lo fa per davvero, offrendo la via di uscita.

Spiegaci meglio il pasto come influisce

Il pasto come detto blocca la fame, quindi un bisogno primarioe favorisce l’apprendimento, la frequenza, e il miglioramento della prestazione scolastica. Il pasto soddisfa un bisogno immediato per soddisfarne uno nel medio e lungo termine, ossia l’istruzione. Il pasto, permette inoltre il risparmio alle famiglie di origine dei bambni, se hanno la fortuna di averle; questo vuol dire che le famiglie possono, come succede, risparmaire oggi per poi potersi permettere di pagare la formazione secondaria per il bambino. Migliaia e migliaia di bambini non frequentano la scuola perche’ vanno a caccia di cibo, ogni giorno. La storia di Tony, Grace e centinaia di migliaia di altre storie di bambini che vivono in contesti di poverta’ ci dicono questo, sempre questo: ‘non posso permettermi di studiare, perche’ devo trovare il cibo per domani’. Come Marita che ci dice: “siamo molto felici di ricevere questo cibo a scuola! Quando si sente la fame, può essere difficile anche solo alzarsi al mattino e camminare. Ma il phala (la polenta arricchita con vitamine che Mary’s meals serve in Malawi) sta facendo la differenza enorme nella mia vita”.
MillionWebBanner

Come e’ questo pasto, e quali altre curiosita’ puoi dirci?

Il pasto, e questo e’ un altro punto di forza d Mary’s Meals, e’ composto da cibo locale, con materie prime locali, cio’ vuole dire che andiamo a migliorare anche le economie e le condizioni dei piccoli produttori locali. Il pasto, ad esempio in Malawi abbiamo il likuni phala, viene offerto ai bambini all’inizio della giornata scolastica, e la cosa bella che avviene e’ che non solo garantiamo il pasto per tutti i giorni di scuola, quindi tra i 190 e i 200, ma anche durante il periodo di chiusura della scuola riusciamo con i volontari locali ad offrire le scorte di cibo per i bambini. I volontari che abbiamo in loco, migliaia e migliaia (circa 60mila in Liberia), offrono e cucinano le scorte di cibo anche oltre i giorni di apertura ufficiale. In definitiva, il pasto blocca la fame e favorisce l’istruzione, permette il risparmio alle famiglie e migliora le economie locali. Un’idea semplice quella di Mary’s Meals, pratica e concreta, che pero’ sta davvero incidendo sui numeri della poverta’. Sfugge alle congetture e offre una soluzione concreta alla fame nel mondo, offrendo allo stesso tempo la strada maestra per sfuggire alla poverta’ futura, ossia avere la fortuna di poter ricevere un’educazione.

Quale e’ la vostra storia? Mi dicevi della svolta nel 2002

Mi piace riassumerla per tappe, una escalation sensazionale, che parte da un sogno, non da un piano. Nel 1983 Magnus MacFarlane-Barrow (il fondatore, cresciuto nella contea di Argyll, in Scozia) visita il santuario di Medjugorie, in Bosnia, che contribuisce al rinnovamento della fede della sua famiglia e spinge i genitori a convertire i ricavi della loro pensione in un centro di ritiro spirituale e in una “casa famiglia fondata sulla preghiera”. Nel 1992 Magnus e suo fratello decidono di lanciare un appello in tutta la contea di Argyll a sostegno appunto del conflitto in Bosnia. Viveri, indumenti, medicine e donazioni di denaro non tardano ad arrivare, la sorpresa e’ grande, tanto che Magnus e Fergus (il fratello) si prendono una settimana di ferie dall’allevamento ittico in cui lavorano, acquistano una Land Rover di seconda mano e si uniscono a un convoglio di aiuti diretto in Bosnia. Consegnano tutti i beni donate. Tornando in Scozia, trovano con stupore viveri e donazioni in quantita’ enorme. Magnus decide di lasciare il lavoro e di prendersi un “anno sabbatico”. Così vende la sua piccola casa per potersi recare in Bosnia fino a quando le persone avrebbero continuato a donare. Le donazioni non cessano di arrivare e Magnus abbandona per sempre il suo vecchio lavoro. Ben presto fu necessario istituire un ente di beneficenza registrato, Scottish International Relief (SIR). Nei successivi 10 anni, SIR avvia la costruzione di una serie di orfanotrofi in Romania e contribuisce al ritorno dei profughi in Liberia attraverso la creazione di ambulatori mobili, inviando oltre 10milioni di Euro in aiuti umanitari continuando a fornire aiuti materiali alla Croazia e alla Bosnia e a finanziare numerosi altri progetti. Ma la svolta arriva nel 2002. Magnus incontra Emma quando SIR era impegnata a combattere la carestia in Malawi. Stava morendo di AIDS e giaceva a terra nella sua capanna circondata dai sei figlioletti. Emma dichiara che non le rimaneva che pregare che qualcuno si sarebbe preso cura dei suoi figli dopo la sua morte. Magnus chiede al suo primogenito, Edward, che cosa voleva dalla vita e quale era il suo sogno. E la sua risposta è stata semplice, chiara e netta: “Desidero avere abbastanza cibo per sfamarci e andare a scuola un giorno”.

Ed eccoci ad oggi, un crescendo dal 2002, SIR prende il nome di Mary’s Meals, per un incontro fortuito e casuale, come, per un incontro con un bambino, Magnus decide di orientare la missione di Mary’s Meals, all’epoca SIR, su un versante chiaro e preciso, ossia offrire un pasto nelle scuole.

Quali sono i punti do forza di Mary’s Meals?

Mary’s Meals lavora in strutture spesso donate o a basso costo, con pc e strumenti spesso donati. Inoltre lavoriamo con un esercito di volontari sia nei programmi di alimentazione in loco, e sia nei paesi ‘ricchi’. Spesso, i nostri volontari, nei paesi dove abbiamo i programmi di alimentazione, sono gli stessi familiari e / o la comunita’ locale dei bambini beneficiari. Per questo abbiamo bassissimi costi di gestione. Per ogni Euro raccolto, e per politica interna, mandiamo ai nostri programmi di alimentazione almeno, come minimo, il 93% di ogni euro raccolto. Il pasto ci costa quindi pochissimo, qualche centesimo di euro al giorno, variabile da paese a paese (oggi 12 paesi), ma nella media riusciamo ad alimentare un bambino per un intero anno scolastico, per un anno con solo 14.50 Euro, questo perche’ non ricarichiamo costi di gestione sulle donazioni ricevute. Questo numero sconvogle i nostri donatori, e sostenitori. E’ sempre una bella scoperta vedere i volti delle persone che restano sbalordite, ma e’ cosi’! Un nuovo modo, un nuovo stile, efficace ed immediato, siamo un entre senza fronzoli, che siamo e vogliamo sempre piu’ essere, vicino ai nostri bambini.

Mary’s Meals in Italia

Mary’s Meals e’presente in Italia come Onlus e come parte integrante del movimento internazionale di Mary’s Meals. ‘Milioni di piccoli atti di amore che camminano oggi sulle strade del mondo’, dice spesso Magnus, il nostro fondatore, e ora anche in Italia. Questo e’ lo spirito di Marys Meals, che spedita, libera, e ripeto davvero libera, e felice va verso il prossimo bambino, senza perdersi in fronzoli. Abbiamo la nostra sede legale nel Vicentino, ad Altissimo, e la nostra sede operativa a Roma, in un ufficio intermanete donato. Precisamente siamo in Via Pacinotti, 63, un piccolo spazio ma che ci basta, e ci avanza. Inoltre abbiamo un nuovo sito, davvero innovativo, che permette a chi vuole di farsi ambasciatore di Mary’s Meals nel suo territorio e anche virtualmente. Vedete il sito www.marysmeals.it . Abbiamo la nostra storia, il film di Mary’s Meals, in italiano, che in 6 mesi ha avuto piu’ di 15mila visualizzazioni www.youtube.com/watch?v=j3L-ODqh5OI a inoltre anche in Italia un piccolo grande esercito di volontari che ci aiutano ogni giorno. Chiediamo ad ogni nostro sostenitore e simpatizzante di aiutarci a condividere il nostro materiale con piu’ persone possibili, ad entrare in contatto con noi, a chiedere il nostro supporto nelle attivita’ di sensibilizzaizone e diffusione, a condividere la nostra storia sia a parole, che virtualmente e a diffondere quello che oggi Mary’s Meals sta facendo con chi vi e’ accanto. Noi ci siamo, al fianco di chi vuole sostenerci. Diventate nostri ambasciatori nel vostro luogo, nella vostra terra. Essendo Onlus possiamo anche ricevere il 5 x mille, questo il video www.youtube.com/watch?v=W0RNciOIAwk realizzato dai nostri volontari. Abbiamo anche realizzato un filmato per le scuole e per i bambini, la storia di Grace www.youtube.com/watch?v=AwN1OIvxWz4 .

Cosa ti senti di dire a chi legge questa storia?

Alimentare un bambino per un intero anno scolastico costa solo 14.50 Euro. Stateci vicini, siate nostri simpatizzanti, se potete sosteneteci nel modo in cui vi piace farlo e nella misura in cui possiate esserlo. Fatevi carico di questo sogno, portatelo nel cuore e nella mente. Un pensiero, una parola, una preghiera o una donazione e’ cio’ che ci permette di raggiungere anche solo il prossimo bambino. Ad oggi oltre un milione di bambini raggiunti, sono oltre centinaia di migliaia di persone che ci sostengono.