Il mondo sarà distrutto dall’aggressività umana.

dott-loiacono-emilio-alessio-medico-chirurgo-medicina-chirurgia-estetica-benessere-dietologo-nutrizionista-roma-cellulite-sessuologia-ecografie-tabagismo-smettere-di-fumare-perchc3a8-cerv

Stephen Hawking fisico, matematico, cosmologo e astrofisico britannico, forse il più importante al mondo grande studioso dell’universo in modo particolare della sua origine e del fenomeno dei buchi neri, confessa le sue convinzioni “La distruzione del mondo? Sarà causata dall’aggressività umana” tra le varie cause che porterebbero alla distruzione del mondo c’è l’aggressività , il peggior difetto dell’uomo che lo rende simile alle bestie.

201092182324866797_20

Continua lo scienziato:”Gli uomini continuano ad essere stupidamente aggressivi”, ha detto, “è la debolezza umana che vorrei fosse corretta. Potrebbe avere avuto un qualche vantaggio e aver garantito la sopravvivenza ai tempi delle caverne, quando l’uomo doveva procurarsi il cibo, difendere il proprio territorio, riprodursi. Ma ora l’aggressività rischia di distruggere tutti noi”.

Sostiene Hawking che la violenza insita nell’uomo e le capacità nucleari potrebbero segnare “la fine della nostra civiltà, e forse la fine della razza umana”. Il fisico teorico brillante è anche il protagonista  del film candidato all’Oscar “La Teoria del Tutto”. Nel corso degli anni Stephen  ha sostenuto che gli esseri umani devono fronteggiare le minacce del nostro tempo provenienti dalle macchine e da noi stessi.

E’ convinto che le intelligenze artificiali starebbero minando la sicurezza dell mondo fino alla sua distruzione. Hawking soffre da diverso tempo di sclerosi laterale amiotrofica (SLA) o morbo di Lou Gehrig, è completamente paralizzato, non riesce a spiccicare una parola e per ironia della sorte riesce a comunicare grazie ad una intelligenza artificiale che con  un sofisticato programma gli permette di comunicare col mondo esterno.

Non serviva certo uno scienziato di fama mondiale a capire che il mondo ha preso una strada senza ritorno, infatti il continuo aumento della violenza se non frenato ci porterà alla distruzione non solo di noi stessi ma anche dell’intero pianeta, Proprio perchè le armi di distruzione di massa se usate in maniera sconsiderata potrebbero annientare la razza umana, e la scienza ci spiega che l’odio e la rabbia producono morti e distruzione come gli avvenimenti di questi giorni ci fanno intendere.