Il Coraggio di queste Donne ha Sconfitto l’esercito armato dell’Isis e salvato la loro terra

10411207_834507029940554_4163097876590828612_n

Hurrah  è il grido dei combattenti curdi che hanno riconquistato Kobane mettendo in fuga i famigerati terroristi islamici dell’Isis!

Dopo sanguinosi combattimenti durati quattro lunghi mesi la vittoria è arrivata finalmente, il fatto ci viene segnalato dall’osservatorio siriano per i diritti umani che ha come base londra. Per dire il vero ancora qualche focolaio di guerra si sente a causa della sporadica presenza di guerriglieri dell’Isis. Ma la cosa che più colpisce la nostra attenzione è che ha guidare l’insurrezione dei curdi siano state le donne combattenti che hanno mostrato tutto il loro coraggio e la loro grinta guidando le truppe ad una storica quanto inaspettata vittoria, che resterà nella leggenda del popolo curdo.

Non bisogna cantare vittoria dopo aver fatto sparire la bandiera dell’Isis da Kobane infatti sulla collina che sovrasta la città il califfato islamico aveva issato la sua lugubre bandiera nera in segno di vittoria che fortunatamente è stata rimossa. ma un’altra minaccia incombe sui combattenti curdi infatti il confinante esercito turco sembra ci siano stati bombardamenti da parte dell’aviazione turca.

 

DonneCurde

Lo riferiscono alla Bbc i miliziani dell’ Ypg (Difesa del popolo) che sono riusciti a respingere le truppe di Isis 4 Km a est. Tutto questo non sarebbe stato realizzato senza il fondamentale intervento degli attacchi  aerei internazionali coordinati dall’aviazione americana. Anche se per la disparità di  forze messe in campo l’impresa dei curdi è straordinaria. Sovvertendo ogni pronostico e anche contro gli attacchi con armi chimiche il tenace e resistente esercito curdo ha compiuto questa straordinaria impresa.

Questa notizia è importante anche per un altro aspetto è cioè che il potente califfato dell’Isis sta perdendo potere e mezzi infatti si dice che le sue finanze siano notevolmente indebolite grazien ai continui raid aerei che bombardano le raffinerie del califfato impedendo la produzione e distribuzione del greggio infatti siamo passati dal produrre 70,000 barili al giorno agli attuali 20,000 diminuzione notevole che ci fa ben sperare.

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here