I Messaggi più belli della Madonna di Medjugorje

La Vergine Maria, nostra Madre, ci segue ad ogni passo, come si fa con un neonato che cerca di stare dritto sulle gambe, ma barcolla. Mai smette di tenderci le braccia e di sollevarci dalle cadute, sorridendoci amorevolmente e curando ogni nostra ferita, più o meno importante e debilitante. Avere fiducia in lei, nel suo sicuro abbraccio, è indispensabile per chiunque voglia sentirsi protetto e consigliato.

Lei, infatti, è talmente vicina al suo Figlio che in qualunque momento più riferirgli le nostre invocazioni di perdono, di aiuto, di grazia. E, proprio come una madre terrena, Maria non aspetta che noi figli ci sentiamo pronti di domandarle qualcosa, ma ci chiede di cosa abbiamo bisogno; appare a noi, come a Medjugorje, per offrirci un nuovo spunto di riflessione, che ci indichi la via da percorrere, continuamente.

Alcuni Messaggi della Madonna di Medjugorje

Qui sotto riportiamo alcuni dei più vecchi messaggi della Madonna, affidati ai veggenti di Bosnia-Erzegovina. Allora come ora, lei ci chiede di aver fede, di combattere il male, di non smettere mai di pregare incessantemente, perché l’amore immenso di suo Figlio trionfi su ogni cosa ed in qualunque circostanza.

  • “Pace! Pace! Pace! Riconciliatevi con Dio e tra di voi! E per fare questo è necessario credere, pregare, digiunare e confessarsi.” (26 Giugno 1981).
  • “Fate penitenza! Rafforzerete la vostra fede con la preghiera e i sacramenti.” (8 Agosto 1981).
  • “Satana tenta di imporvi il suo potere. Non lo permettete! Rimanete saldi nella fede, digiunate e pregate! Io sarò sempre accanto a voi, a ogni vostro passo.” (16 Novembre 1981).
  • “Se volete essere felici, fatevi una vita semplice ed umile. Pregate molto e non vi preoccupate troppo dei vostri problemi: lasciateli risolvere a Dio e abbandonatevi a Lui!” (4 Gennaio 1982).
  • “Pregate e digiunate perché tra i sacerdoti regni la pace!” (21 Gennaio 1982).
  • Cari figli! Vi invito a pregare e a digiunare per la pace nel mondo. Voi avete dimenticato che con la preghiera e il digiuno si possono allontanare anche le guerree persino sospendere le leggi naturali. Il digiuno migliore é quello a pane e acqua. Tutti, eccetto gli ammalati, devono digiunare. L’elemosina e le opere dicarità non possono sostituire il digiuno. (21 Luglio 1982).
  • “Bisogna esortare la gente a confessarsi ogni mese, soprattutto il primo venerdì o il primo sabato del mese. Fate ciò che vi dico! La confessione mensile sarà una medicina per la Chiesa d’Occidente. Se i fedeli si confesseranno una volta al mese, presto intere regioni potranno essere guarite. (6 Agosto 1982).
  • “Pregate! Pregate! Quando vi dico questa parola voi non la comprendete. Tutte le grazie sono a vostra disposizione, ma potete riceverle solo attraverso la preghiera.” (12 Agosto 1982).
  • Per la guarigione dei malati é necessaria una fede salda, una preghiera perseverante accompagnata dall’offerta di digiuni e sacrifici. Non posso aiutare coloroche non pregano e non fanno sacrifici. Anche quelli che sono in buona salute devono pregare e digiunare per i malati. Quanto più credete fermamente edigiunate per la stessa intenzione di guarigione, tanto più saranno grandi la grazia e la misericordia di Dio. E bene pregare imponendo le mani sui malati ed é bene anche ungerli con olio benedetto. Non tutti i sacerdoti hanno il dono di guarire: per risvegliare questo dono il sacerdote deve pregare con perseveranza,digiunare e credere fermamente. (18 Agosto 1982).