Il Cuore di Medjugorje batte anche negli hotel e nei luoghi di soggiorno

Il cuore di Medjugorje batte anche negli hotel e nei luoghi di soggiorno dei pellegrini.
Anche se può sembrare un modo per pubblicizzare una struttura commerciale, noi de La Luce di Maria, abbiamo pensato, per una volta, di raccontare la grande umanità che abbiamo respirato in un hotel a Medjugorje.

Non vogliamo fare retorica, piuttosto che non ci si fermasse al solito luogo comune “lo fanno solo per soldi”. Questa storia, non è un miracolo…o forse si.

Il Pellegrinaggio

In un pellegrinaggio alloggiamo con il nostro gruppo presso l’Hotel Leone. Dopo i primi due giorni di soggiorno una delle persone che era con noi, con un passato segnato dalla dipendenza dalla droga e dall’alcool, inizia improvvisamente a piangere ininterrottamente. Un pianto di liberazione conseguente a quella pace che si respira qui a Medjugorje. Una situazione non nuova per chi ha fatto diverse esperienze di pellegrinaggio quì.
Ma questa era veramente fuori dal comune.

Non voglio tornare lasciatemi qui vi prego

“Lasciatemi qui, non voglio tornare a Roma, lasciatemi qui vi prego” erano le parole che uscivano singhiozzanti dalla sua bocca. Non c’era nessun modo per arrestare quel pianto che voleva allontanare l’imminente ritorno a casa, la paura di ritornare in quelle tentazioni da cui si voleva fuggire.
Questo senso di voler rimanere lì dove si è toccata forse per la prima volta la pace, era così sentito che la persona si rifiutava persino di staccarsi dalla sedia sulla quale era seduta.

Una situazione alquanto toccante e che ci aveva lasciato non solo commossi ma anche perplessi sul da farsi. Andando sul pratico, quella persona, in condizioni precarie di lavoro,  non aveva alcuna disponibilità per poter fermarsi a Medjugorje.
Ci confrontammo così con gli altri pellegrini e decidemmo di fare una colletta per sostenere i costi del cambio del biglietto aereo, del soggiorno, per offrirgli un pò della nostra biancheria pulita e dargli così la possibilità di dare seguito al suo desiderio.

L’incontro con la proprietà della struttura

A questo punto ci siamo rivolti al titolare dell’hotel per chiedere se ci fosse la possibilità di prolungare il soggiorno di questa persona nella sua struttura. Abbiamo chiesto il preventivo per due ulteriori settimane di pensione completa specificando che avremmo pagato anticipatamente il conto e spiegando la situazione che si era venuta a creare. A questo punto è successo qualcosa di straordinario.
Il titolare dell’Hotel Leone, dopo aver attentamente ascoltato la storia di questa persona, ci ha risposto così: “Anche io voglio contribuire, pagatemi solo il cambio ed il lavaggio della biancheria – in una parola i costi vivi – a vitto ed alloggio provvederò io”. Una risposta che ci ha completamente spiazzati e commossi.
In un mondo dove sempre più si pensa all’interesse personale il gestore ha mostrato un lato umano fuori dal comune. La sua spontaneità nel mettersi a disposizione è da altri tempi. Ma qui siamo a Medjugorje e riflettendoci bene quel gesto non può essere un semplice caso in questo luogo di grazia.
A Medjugorje la Madonna è presente ed opera nei cuori della gente in continuazione e questa carità cristiana dimostrata per noi ne è l’ennesima prova tangibile che in questo luogo i miracoli avvengono anche quando non si vedono e non vengono pubblicizzati.

Che Dio benedica il titolare di questo Hotel per la generosità e accoglienza dimostrata!

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Lalucedimaria.it scrivendoci al seguente indirizzo: [email protected]