Le portano via la sedia a rotelle – Giusy: “Mi hanno rubato le gambe”

Sdegno e sconcerto per quello che è successo alla campionessa paralimpica di nuoto, Giusy Barraco: “Mi hanno rubato la sedia a rotelle”.

Photo web source

Giusy Barraco, campionessa di nuoto paralimpico, denuncia sui social: “E’ come se mi avessero rubato le gambe”.

Giusy e il furto della sua sedia a rotelle

Un gesto che ha dell’assurdo, segno del non più rispetto verso il nostro prossimo. A denunciare l’accaduto è Giusy Barraco, campionessa paralimpica di nuoto della provincia di Trapani: “Mi hanno rubato la sedia a rotelle. È come se mi avessero rubato le gambe. E sono molto arrabbiata perché per loro sarà qualcosa che non ha grande valore e nemmeno chissà quale importanza ma per me è tutto”.

“Mi hanno rubato le gambe”

Un furto avvenuto nella sua casa di Petrosino, in provincia di Trapani. I ladri, entrando nell’appartamento, hanno frugato fra gli oggetti e gli effetti personali, ed hanno portato via la sua carrozzina. “Per me rappresenta le mie gambe, così mi sono sposata. Rappresenta i miei ricordi. Tanti ricordi… è una cosa che fa parte di me”.

Un gesto vigliacco che non si riesce ancora a comprendere.

giusy 1
photo web source

Giusy Barraco e lo sport paralimpico

Nel 2016 Gusy Barraco aveva conquistato a Napoli il titolo di campionessa italiana paralimpica di nuoto nella specialità dorso ed, ora, si apprestava a salire sul podio, anche a livello internazionale. Ma questo furto adesso la ferma, peggio di come, a causa della pandemia, è fermo lo sport italiano.

Tanti i messaggi di vicinanza a Giusy. Ci affianchiamo anche noi, con la speranza che chi ha compiuto questo vile atto, si renda conto dell’enorme danno che ha fatto ad una donna, prima che a una campionessa.

ROSALIA GIGLIANO

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Lalucedimaria.it scrivendoci al seguente indirizzo: [email protected]