Giulia 10 anni sacrifica la sua vita per salvare la sorellina di 4.

 

152636597-882b023f-6bbc-4a7d-9a04-a25e04525677

Chi perde la sua vita per me la troverà dice Gesù, e ci piace pensare che queste parole riecheggino per Giulia bimba di 10 anni che ha scelto di morire per proteggere la sorellina Giorgia di soli 4 anni. Se non avesse fatto scudo con il proprio corpo per proteggerla molto probabilmente la Piccola non c’è l’avrebbe fatta. Sono diventate loro malgrado il simbolo di questa tragedia umana che ha coinvolto non solo il centro Italia ma l’intero paese . Giulia per istinto o forse guidata da chi non sappiamo si è immolata per proteggere la sorella, chiamiamolo senso di protezione, chiamiamolo eroismo, il fatto sta che lei è una piccola martire di questo terremoto che ha devastato la vita di molte persone compresa la sua . Ma lei ha scelto di rischiare la sua vita in un atto di amore immenso, non ha pensato a salvare se stessa ma a proteggere la sorellina.

A soli quattro anni di età, la piccola Giorgia è riuscita a sopravvivere al terremoto passando attraverso un’esperienza difficile da sostenere anche per l’adulto più forte, consapevole ed equilibrato. Sepolta, assieme alla sorella di dieci anni e ai genitori, sotto le macerie della loro casa a Pescara del Tronto, crollata come tutta la frazione sotto l’urto del sisma nella notte del 24 agosto. Giorgia è riemersa da quell’incubo di pietra 16 ore dopo, quando i vigili del fuoco l’hanno raggiunta, intorno alle 20, una volta localizzata quella che prima del disastro era una cameretta. Giorgia ce l’ha fatta, come anche il papà e la mamma. Non la sorellina, che distesa su Giorgia le ha fatto da scudo.