Giovanni Paolo II subì un secondo attentato | Perché fu tenuto segreto?

Il secondo attentato a Giovanni Paolo II avvenne addirittura a Fatima, ma le cronache non ne parlarono. Eppure, il Pontefice rimase ferito. La domanda è, perché fu taciuto? 

Papa Giovanni Paolo II subì un primo attentato in piazza San Pietro a Roma, il 13 maggio 1981, ma la maggior parte non sa, che ne subì un secondo.

giovanni paolo II
photo web source

Papa Giovanni Paolo II subì un primo  attentato in piazza San Pietro a Roma il 13 maggio 1981. Tutti hanno ancora impresse nella memoria le drammatiche immagini che lo ritraevano dolorante e accasciato sulla Papamobile bianca. Ma la maggior parte non sa, che subì un secondo attentato, non riportato, o quasi, dalle cronache e che si verificò esattamente un anno dopo il primo, a Fatima, in Portogallo.

Esattamente dodici mesi dopo quel tragico 13 maggio 1981, in cui Karol Wojtyla veniva ferito dai colpi di pistola, sparati da un estremista turco, Mehmet Ali Agca, che fu subito arrestato, mentre il Papa veniva ricoverato d’urgenza al policlinico “Gemelli”. I medici lo davano oramai per spacciato, e invece miracolosamente si salvava.

Appena riprese conoscenza, affermò come una mano avesse primato il grilletto e un’altra avesse impedito ai proiettili di ucciderlo. Subito pensò a un miracolo della Madonna di Fatima, che si celebra proprio il 13 maggio. Così, Wojtyla decise di ringraziarla, recandosi da Lei.

Il secondo attentato a Giovanni Paolo II avviene a Fatima

E fu proprio a Fatima, un anno più tardi, che avvenne il drammatico fatto. Era la sera del 12 maggio 1982 e, durante un incontro con gli innumerevoli fedeli, tra sorrisi e strette di mano, il Papa fu avvicinato da un uomo che si scagliò contro di lui. Si trattava di un prete “tradizionalista”, che infilzò il Pontefice con una lama di coltello definita “lunga quanto una baionetta”, urlando la frase “abbasso il Papa, abbasso il Vaticano Secondo!”.

L’autore dell’attentato era un sacerdote appartenente al movimento contrario al Concilio Vaticano II.

La sicurezza riuscì a intercettarlo e sembrava che gli avesse impedito di compiere qualsiasi gesto irrazionale, così parve in quel momento. Ma le cose era andato diversamente. Infatti solo molti anni dopo, nel 2008 don Stanislaw Dziwisz, lo storico e fedele segretario di Giovanni Paolo II, ammise che in quella triste circostanza, Karol Wojtyla era stato ferito.

Perché è stato taciuto?

La verità di quanto accaduto, è stata raccontata in un documentario, il cui titolo è  “La seconda volta” fatto in forma di cartoni animati, disponibile nel museo a Varsavia, intitolato a “Giovanni Paolo II e Primato di Polonia Beato Stefan Wyszyńskiin” ed è uscito in occasione del centenario della nascita di Giovanni Paolo II, nel 2020.

Quando il segretario don Stanislaw Dziwisz, si rese conto di ciò che era realmente accaduto al Pontefice, voleva chiamare urgentemente il medico. Ma Giovanni Paolo II glielo impedì con queste parole: “Non mi è successo nulla, sto bene, sto bene”. Ma ciò nonostante il segretario incalzava. “Dobbiamo chiamare urgentemente il medico. Dobbiamo posticipare tutte le celebrazioni”.

Ancora Giovanni Paolo II: “No, non posticipiamo nulla. E sul fatto che qui oggi c’era lo spargimento del sangue, nessuno può saperlo fino dopo la mia morte”.

Fu dunque una sua esplicita volontà, forse per non fomentare ulteriori divisioni nella Chiesa e per non destare preoccupazioni tra i fedeli che tanto lo amavano. Ancora una volta, s è sacrificato per un bene più grande, con un gesto, che solo un’anima Santa come la sua poteva compiere.

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Lalucedimaria.it scrivendoci al seguente indirizzo: redazione@lalucedimaria.it