Gesù ti dice: “Non avere paura nelle prove ci sono io”…

 

13339505_1298381690189225_6190263647835917856_n

Io non temerò, poiché il Signore è con me
La paura è un problema universale. Ci colpisce come un’onda, minacciando di travolgerci.
La Scrittura individua questa schiacciante emozione di paura quasi un migliaio di volte, con
termini come paura, timore, tremore, terrore o terrorizzato, nonché orrore, spavento e
perdersi d’animo. La Parola di Dio fornisce soluzioni di guarigione e speranza da questo
sentimento di sopraffazione; le esortazioni più comuni di Dio Stesso sono: Non temere, Non
aver timore e Non spaventarti.
Il problema è che Dio sembri più lontano da noi
proprio quando il nostro cuore è pieno di paura.
Chiediamoci: «Sono in preda alla paura? È questo
il motivo per cui talvolta mi sento lontano da Dio,
proprio quando ho più bisogno di Lui?».
L’antidoto per la paura è la promessa della
presenza di Dio. Mi aggrappo alla ferma
decisione di non temere perché Dio è sempre con
me. Più i giorni diventano difficili, più Egli si
avvicina a noi. A volte sembra che Dio sia lontano
da noi, quando attraversiamo dei momenti
difficoltosi, ma non è così. Mentre soffriamo Egli
ci è vicino. Egli è con noi nelle situazioni più
ardue.
La verità è che se si potesse sentire il Signore che
prega per noi, non si temerebbe neanche un
migliaio di nemici. In questo momento, dovunque ti trovi, pensa al Signore Gesù come se
fosse nella stanza accanto, inginocchiato davanti a una poltrona. Le Sue mani trafitte dai
chiodi sono protese ed Egli sta presentando i tuoi bisogni al Padre. Conosce esattamente la
tua situazione, e sta chiedendo al Padre di darti forza, saggezza, pazienza, sapendo che da
solo non ce la faresti mai e che hai bisogno della fede per sconfiggere la paura. La Scrittura
afferma qualcosa di incredibile: Gesù Cristo non solo è con te ma sta intercedendo presso il
Padre per te; e sicuramente saprai che il Padre ascolta sempre le preghiere del Figlio.
• Inginocchiati da solo in preghiera. Espandi il tuo cuore davanti al Signore,
riconoscendo la verità di tutto ciò che hai letto oggi. Immagina Gesù inginocchiato in
preghiera accanto a te.
• Acquisisci l’abitudine di parlare al Signore durante il giorno in una conversazione
naturale.
Ascolta le parole che Gesù ha pronunciato in preghiera per te in Giovanni 17:13-19:
«Ma ora io vengo a te; e dico queste cose nel mondo, affinché abbiano compiuta in sé
stessi la mia gioia. Io ho dato loro la tua parola; e il mondo li ha odiati, perché non
sono del mondo, come io non sono del mondo. Non prego che tu li tolga dal mondo, ma
che tu li preservi dal maligno. Essi non sono del mondo, come io non sono del mondo.
Santificali nella verità: la tua parola è verità. Come tu hai mandato me nel mondo,
anch’io ho mandato loro nel mondo. Per loro io santifico me stesso, affinché anch’essi
siano santificati nella verità».
Signore Gesù, grazie perché preghi per me. Amen.