Una foto vale più di mille parole -è proprio il caso di dire

BLBVWTLN3844-786-kRxB-U1050412831080GUC-700x394@LaStampa.it
Una foto vale più di mille parole -è proprio il caso di dire.
Dunque, se questa mattina siamo angosciati, già prima di colazione; se ci stressa l’idea di metterci in macchina, immergerci nel traffico e andare a lavorare; se un lavoro non lo abbiamo ancora e lo stiamo cercando disperatamente; se siamo a terra perché noi abbiamo mai il tempo di prenderci cura della nostra immagine; se tutto questo non ci fa dormire bene, forse, ci rincuora e ci riporta alla realtà vera, la foro qui sopra.
L’immagine ritrae due bambine malate, ospiti dell’ospedale oncologico di Pittsburgh, Pennsylvania (USA).
Candidamente, si abbracciano e condividono lo stesso panorama, quello che riescono a vedere dalla finestra della loro stanza di degenza.
Da li, vedono il mondo, quello che, in questo momento della loro vita, le ha tagliate fuori, perché sono troppo fragili, per farne parte: loro sono in fin di vita!
E’ stata la madre di Maliyah (la bambina a sinistra della foto) ha immortalare quello scatto, usando il suo telefono cellulare. Poi, l’ha postata su Facebook e su altri Social.
Ha fatto, così, il giro del mondo e, con essa, quelle bambine gravemente malate, unite nell’abbraccio e nella stessa sorte.
Grazie al web, ai followers, loro sono arrivate dappertutto, pur rimanendo in una stanza di ospedale.
Stamane, anche noi ci svegliamo con questa foto e riflettiamo sul valore della vita, sulla forza di chi lotta per averne un altro po’, sulla sofferenza atroce provocata da certe malattie e sul coraggio dei piccoli cuccioli di uomo che, anche nelle circostanze più terribili, quelle che nemmeno possono comprendere fino in fondo, trovano il mondo di far vincere l’affetto, l’amore, la complicità.
Ecco, le bambine della foto sembrano complici, sembrano volersi dare sprone, l’una con l’altra, poiché ciò che dovranno affrontare sta -forse- da qualche parte li fuori e deve trovarle preparate e agguerrite per poterlo combattere.
Antonella Sanicanti