Il mese di febbraio è dedicato al grande “sconosciuto”. Ecco chi è

Ogni mese dell’anno è associato ad una ricorrenza particolare per la Chiesa: febbraio è il mese dello Spirito Santo. Ecco chi è questo “sconosciuto”.

Spirito Santo
photo web source

Il mese di febbraio si dedica allo Spirito Santo, terza persona della Santissima Trinità. La Chiesa lo ricorda nel giorno della Pentecoste, quando discese sugli Apostoli e Maria Santissima riuniti nel Cenacolo e li riempì di forza e di luce.

Inoltre Febbraio è anche il mese della Sacra Famiglia, la famiglia per eccezione composta da Gesù, Giuseppe e Maria. Non è un caso che entrambi vengano ricordati insieme: Gesù fu concepito proprio per opera dello Spirito Santo, che è la fonte dell’amore, della gioia e della pace.

Chi è lo Spirito Santo

Lo Spirito Santo è l’amore di Dio che discende su ogni discepolo di Cristo, abitando in ogni anima aperta alla Sua grazia e permettendoci a nostra volta di amare. Ci rende figli di Dio nel Battesimo, riconfermandoci nella fede nella Cresima che rimanda alla Pentecoste, ed è la forza di Dio, appunto il suo Spirito che ci è sempre vicino. È la presenza di Dio che ci è stata donata per sempre da Gesù che ci è vicino nei Sacramenti e nella preghiera.

Lo Spirito Santo è allo stesso tempo l’amore di Dio che ci unisce al Padre e tra noi, il nostro Consolatore, e lo Spirito di Verità, colui che ci riporta alla mente la Parola e la presenza di Dio, anche quando deviamo.

Doni e frutti dello Spirito Santo:

Da lui infatti procedono Sapienza, Scienza, Intelletto, Fortezza, Consiglio, Pietà e Timor di Dio e tutti i doni spirituali che possediamo. Lo Spirito Santo è colui che ci libera e ci difende dal male e possiamo sempre invocarlo, imparando a fare di lui il nostro “miglior amico”, perché Gesù ce lo ha donato come “Paraclito”, cioè difensore, avvocato.

Invocarlo è pegno sicuro della sua azione, perché egli viene subito in nostro soccorso, come il più premuroso degli amici.

Spirito Santo

Tra i suoi doni, descritti abbondantemente da San Paolo, troviamo:

“…il dono delle guarigioni; a uno il potere dei miracoli; a un altro il dono della profezia; a un altro il dono di discernere gli spiriti; a un altro la varietà delle lingue; a un altro l’interpretazione delle lingue (1Cor 12, 9-10).

Tra i frutti invece che genera il Paraclito ci sono: amore, gioia, pace, pazienza, gentilezza, bontà, longanimità, mitezza, fede, modestia, continenza, castità.

Non dimentichiamoci dunque dallo Spirito Santo passano l’amore e la potenza di Dio, e di chiedere la sua presenza forte nella vita, che vada a corroborare il nostro spirito con il suo, Santo, forte e pieno di pace.

“Senza lo Spirito Santo siamo come una pietra della strada. Prendete una spugna imbevuta d’acqua e nell’altra un sasso; premeteli ugualmente; dal sasso uscirà niente e dalla spugna si vedrà uscire acqua in abbondanza. La spugna è l’anima riempita di Spirito Santo, e la pietra è il cuore freddo e duro dove non abita lo Spirito Santo”. (S. Giovanni Maria Vianney)

Elisa Pallotta

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Lalucedimaria.it scrivendoci al seguente indirizzo: [email protected]