Don Farinella: un altro sacerdote contro Salvini

Farinella
foto web source

Don Farinella: un altro sacerdote contro Salvini

Non è certo la prima volta che la chiesa -qualche suo esponente- si dichiara anti Salvini, convinta che le sue “riforme politiche” non rispettino la dignità dei migranti, di coloro che arrivano nel nostro Paese per ottenere assistenza.
Si chiama don Paolo Farinella il parroco della chiesa genovese di San Torpete che ha addirittura deciso di “chiudere” per le feste di Natale.

La ragione parrebbe di natura politica e umanitaria (replicherebbe il parroco), poiché intenderebbe protestare contro il Decreto Sicurezza del Ministro dell’Interno Matteo Salvini.
Il Decreto Sicurezza bloccherà circa quaranta mila richiedenti asilo, che non potranno accedere ai centri d’accoglienza. Mira, tra l’altro, a rendere meno agevolati gli ingressi dei clandestini in Italia e più proficuo e valido il controllo sul flusso degli ingressi.

Se da un lato queste nuove disposizioni sono necessarie per la sicurezza della Nazione (e Dio solo sa quanto ne ha bisogno), dall’altro lasceranno molti migranti per le strade e senza assistenza. Ed è proprio contro quest’ultima evenienza che protesta don Paolo Farinella, con delle omelie che parlano di Matteo Salvini come di un nemico della solidarietà, della generosità.

Don Paolo Farinella parla dal suo blog

Il parroco ha persino usato il suo blog contro il Decreto Salvini che, controfirmato dal Presidente della Repubblica, Mattarella, è ormai legge, a tutti gli effetti.
Don Paolo Farinella ritiene che questa sia una legge contro l’immigrazione, anzi contro gli immigrati e dunque incostituzionale. Noi, però, non possiamo smettere di chiederci quanti crimini (soprattutto contro le donne) si sarebbero potuti evitare, se il controllo sulla fedina penale, sulla reputazione, sulle motivazioni delle persone che hanno voluto varcare i nostri confini degli ultimi anni, fossero stati seri ed efficaci.
La generosità è ben altro che far passare tutti da questa parte della palizzata. O no?

Antonella Sanicanti

Segui tutte le nostre News anche attraverso il nuovo servizio di Google News, CLICCA QUI