Facciamo vera chiarezza sul caso Gloria Polo 1/9

Facciamo vera chiarezza sul caso Gloria Polo | Presentazione del saggio di Flaviano Patrizi
Gloria Polo e la copertina della sua testimonianza curata da Flaviano Patrizi

Presentazione del saggio di Flaviano Patrizi

Abbiamo il piacere di presentare a puntate e con il permesso dell’autore, il teologo cattolico Flaviano Patrizi, un suo saggio intitolato Facciamo vera chiarezza sul caso Gloria Polo”.

Dall’abstract del saggio leggiamo:

Il saggio dimostra l’erroneità delle conclusioni contenute nell’articolo Il caso “Gloria Polo” di Santese Daniele e Daraia Bruna, pubblicato sul sito del GRIS di Matera, ed evidenzia come tali conclusioni siano fondate in parte sul grave fraintendimento:

  • degli elementi narrativi della testimonianza della dottoressa Gloria Polo[1],
  • del valore dell’unico documento medico riguardante Gloria Polo che il Santese e la Daraia conoscono;

e in parte sugli erronei presupposti filosofici e teologici degli autori dell’articolo.

Da questa analisi molti aspetti della straordinaria vicenda vissuta da Gloria Polo, criticati dal Santese e dalla Daraia, risulteranno maggiormente chiariti e renderanno ancor più salda la credibilità dell’intera vicenda.

Per una sintetica presentazione della dottoressa Gloria Polo si rimanda alla prefazione del mio libro Illusione o realtà[2]

Introduzione del saggio

Quando inizia il mio studio sull’esperienza della dottoressa Gloria Polo, da buon ricercatore dedicai un congruo tempo allo studio della letteratura teologica, agiografica, mistica, sociologica e medica internazionale per comprendere l’esatto ambito fenomenico nel quale circoscrivere la sua esperienza e acquisire le chiavi di lettura più adeguate per comprendere il fenomeno. Basta dare un’occhiata alla sezione bibliografica[3] del mio libro Illusione o realtà per sincerarsi di quanto vasto è stato il mio studio. Come ricercatore so che non è possibile alcuno studio serio senza il confronto con altri studiosi. Ogni ricercatore, infatti, se onesto e sincero, da un positivo contributo alla ricerca, non solo quando fa progredire la comprensione del fenomeno oggetto di ricerca, ma anche quando la fa regredire. E questo perché tale regressione, quando è razionalmente analizzata e confutata, diviene un’occasione di consolidamento delle rette acquisizioni della ricerca.

Le conclusioni della mia ricerca sono ben note a tutti coloro che abbiano letto anche solo il finale della prefazione del mio libro. In esso infatti, alludendo alla metafora del diamante grezzo incastonato nella roccia, scrivevo che la vicenda della dottoressa Gloria Polo, liberata dalle questioni irrisolte in cui era incastonata e intagliata dalle lame dell’analisi, mi appariva un autentico e splendido diamante donatoci da Dio[4]. Giunsi a queste conclusioni solo dopo essermi dato il tempo di maturare una certezza di giudizio, fondata sulla conoscenza personale delle dott.sa Gloria Polo e sulla dimostrazione della storicità dei fatti e della credibilità «oggettiva» del viaggio extracorporeo e ultraterreno di Gloria. Non ho mai preteso, però, di avere dato sulla vicenda di Gloria Polo la parola definitiva, che in ultima istanza spetta alla chiesa cattolica docente, ma mi sono sempre augurato che il mio punto di arrivo potesse essere il punto di partenza per tutti coloro che avrebbero voluto continuare la ricerca. La mia speranza era fondata sul fatto che il vero ricercatore è umile e sa quindi confrontarsi con chi lo ha preceduto.

Purtroppo debbo constatare con rammarico che proprio qui in Italia è stato pubblicato nel sito del GRIS di Matera un articolo relativo alla vicenda di Gloria Polo, intitolato Il caso “Gloria Polo” i cui autori, l’ingegnere Daniele Santese[5], presidente del GRIS di Matera e la dott.ssa Bruna Daraia, pur conoscendo l’esistenza del mio libro[6] Illusione o realtà non se ne sono serviti. Sono così caduti in banali errori di giudizio che avrebbero potuto evitare a se stessi e ai loro lettori più sprovveduti. Ciononostante, le istanze di chiarezza su cui si basa il loro articolo sono più che legittime, ragion per cui ho deciso di porre mano alla tastiera e scrivere questo mio saggio. Nonostante i gravissimi errori di analisi e di giudizio che ho riscontrato nel loro lavoro, li ringrazio perché hanno posto la loro attenzione anche su alcuni elementi della vicenda di Gloria Polo che meritavano maggiore chiarezza. Spero che questo mio intervento possa instaurare una collaborazione proficuo con tutti coloro che cercano la verità su questo caso.

Avendo il Santese e la Daraia firmato l’articolo senza distinguere l’attribuzione dei differenti contenuti di esso, come se condividessero in solido la responsabilità dell’intero contenuto, nel mio saggio sono costretto a rivolgermi sempre ad entrambi. Non me se ne voglia per questo. Mi limiterò, inoltre, a confutare solo le erronee conclusioni a cui giungono il Santese e la Daraia. La mia scelta non induca, però, il lettore a pensare che sono stato obbligato a ciò dall’assenza di errori nell’analisi che prepara le loro conclusioni. Gli errori, anzi, sono numerosissimi e di vario grado. Reputo però più urgente per il bene dei miei lettori occuparmi per ora delle loro conclusioni.

Dunque, procederò ora al commento di porzioni di conclusioni dell’articolo Il caso “Gloria Polo”. Per facilitare la lettura, trascriverò prima il brano che via via prenderò in esame e poi il mio commento.

Continua […]

Link consigliati:

Flaviano Patrizi: https://www.gloriapolo.it/89-2/
– Gloria Polo: https://www.gloriapolo.it

 

___________________________________________

Note:

[1] Flaviano Patrizi [a cura di], Sono stata alle porte del cielo e dell’inferno. Nuova testimonianza della dott.sa Gloria Polo, Himmel associazione, 2011.

[2] Flaviano Patrizi, Illusione o realtà. Studio critico sulla testimonianza della dott.sa Gloria Polo e le Esperienze di Premorte, Himmel associazione, 2014.

[3] Ivi, pp. 5-9.

[4] Ivi, p. 16.

[5] Da anni ormai questo signore cerca in tutti i modi di boicottare gli incontri di Gloria Polo in Italia, nonostante essi si siano svolti sempre con il permesso dei vescovi locali.

[6] Tale conoscenza è appurata dal fatto che tra i documenti del loro articolo figura la registrazione audio della Testimonianza che Gloria diede a Matera con il permesso dell’ordinario del luogo, l’arcivescovo Salvatore Ligorio (promosso Arcivescovo Metropolita di Potenza – Muro Lucano – Marsico Nuovo il 05 ottobre 2015), presso la Parrocchia “S. Giuseppe Lavoratore” il giorno 10 Marzo 2016. Tale testimonianza fu preceduta da una mia introduzione nella quale citavo il mio libro Illusione o realtà. Inoltre diverse copie del mio libro furono messe a disposizione degli uditori. Per ascoltare una audio versione della mia introduzione: https://www.youtube.com/watch?v=eU1nRYr3-LU&t=2s.