Ex ministro indagata per omofobia: ha criticato il movimento Lgbt e difeso la Bibbia

L’ex ministro dell’Interno finlandese, Päivi Räsänen, è indagata per omofobia dopo aver contestato pubblicamente il movimento Lgbt.

Foto dal Web

Contro la leader dei Democratici Cristiani sono stati mossi quattro capi d’accusa e potrebbe rischiare sino a due anni di reclusione.

La posizione del ministro sul movimento Lgbt

In questi giorni è giunta la notizia che la leader dei Democratici Cristiani finlandesi, Päivi Räsänen, sarebbe stata contattata dalla polizia poiché indagata per omofobia. Nelle prossime settimane, dunque, l’ex ministro dell’Interno finlandese potrebbe dover esprimere le proprie posizioni di fronte alle forze dell’ordine. Contro di lei ci sarebbero ben quattro denunce per via di alcune dichiarazioni che ha fatto nel corso degli ultimi anni sul movimento Lgbt.

Leggi anche ->Platinette attacca il vittimismo LGBT: il Ddl Zan contro l’omofobia è un’idiozia

La leader politica non ha mai fatto mistero di avere una posizione sulla famiglia che combacia con quella della Bibbia. Tempo addietro, infatti, si era infervorata ed aveva criticato la decisione della Chiesa evangelica luterana di diventare partner ufficiale delle manifestazioni Lgbt Pride. Una scelta che l’aveva lasciata senza parole, poiché contraria a quella che è la dottrina cristiana in materia di famiglia e unioni. Il 20 dicembre 2019, nel corso di un dibattito televisivo sul tema ‘Cosa penserebbe Gesù degli omosessuali?’, la Räsänen aveva esposto la posizione che emerge dagli Scritti Sacri, spiegando dunque per quale motivo la Chiesa non accetta le unioni tra due persone dello stesso sesso.

Leggi anche ->L’inganno del Ddl Zan travestito da norma contro l’omofobia. Cos’è davvero

L’ex ministro rischia la condanna per omofobia?

Dato che le indagini si trovano solamente nella loro fase iniziale, è possibile che le accuse a carico dell’ex ministro vengano archiviate. Qualora, invece, si decidesse di andare a processo, l’accusa dalla quale pare – secondo quanto riportato dal ‘Timone’ – che debba difendersi è di “Agitazione criminale contro un gruppo minoritario“. Reato che secondo l’ordinamento finlandese prevede una pena che va dalla semplice multa alla reclusione fino a due anni di carcere.

In una recente intervista  la Räsänen si è detta tranquilla riguardo alle indagini, ma ha anche espresso una preoccupazione, ovvero che con simili denunce i rappresentanti del movimento Lgbt finiscano per impedire la libertà di parola. La sua preoccupazione maggiore, però, le implicazioni sugli insegnamenti religiosi, cioè che si finisca ad: “impedire di insegnare e parlare degli insegnamenti della Bibbia nella sfera pubblica”.

Luca Scapatello

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Lalucedimaria.it scrivendoci al seguente indirizzo: [email protected]