Ex massone testimonia: “La massoneria è una setta” – Video

Ex massone testimonia: "La massoneria è una setta" - VideoNel corso di un convegno dell’associazione culturale ‘Faro‘ di Modena un medico locale ha voluto condividere la propria testimonianza sulla massoneria di cui aveva fatto parte fino a poco tempo prima. Il medico ha spiegato di aver trovato la forza di testimoniare la sua esperienza nella massoneria dopo aver letto il libro su Maurice Cailleu in cui il luminare francese parla dell’influenza massonica nella società transalpina. Il medico modenese spiega anche che durante l’ultimo contatto con i massoni, questi hanno cercato di farlo possedere dall’anima di un ex massone defunto, affinché questo prendesse il suo posto.

Quindi ha cominciato a parlare del suo primo incontro con un membro della società segreta quando era ancora un giovane chirurgo che operava in pediatria e, grazie alla sua preparazione, riscuoteva grandi consensi all’interno dell’ospedale. Un giorno, questo membro della massoneria lo ha fermato e gli ha detto: “Sei il candidato perfetto per entrare a far parte della nostra organizzazione”, il chirurgo incuriosito da quella frase gli chiese: “Di che associazione si tratta?” e questo gli rispose: “Di un’associazione per soli uomini in cui i membri vanno alla ricerca della verità”.

L’ingresso nella società e la scoperta dell’influenza del demonio

Invogliato dal suo superiore a visitare il tempio, il medico ha scoperto che per entrare a far parte dell’associazione bisognava superare quattro gradi, una progressione che era garantita dalla partecipazione al tempio (più volte entravi nel tempio e più progressi facevi). Fino a quel momento nulla aveva messo in allarme il medico che senza problemi è giunto al quarto grado, ma proprio in quel momento gli è stata fatta un’offerta alla quale non poteva aderire: “A quel punto mi hanno chiesto di partecipare a studi esoterici, io gli ho risposto: ‘No, grazie. Ho tante cose da fare che ritengo più importanti degli studi esoterici’.”.

Da quel momento in poi il medico è stato inviso ai massoni ed il motivo non era semplicemente il rifiuto degli studi esoterici, ma la sua difesa costante della Chiesa Cattolica: “Ogni volta che il Gran Sacerdote parlava male della Chiesa, io mi opponevo e questo non era gradito”. Capita l’incompatibilità con gli altri massoni il medico ha smesso di frequentare il tempio. Dopo qualche mese è stato invitato ad una cerimonia in ricordo di un ex massone deceduto nel corso della quale hanno cercato di farlo possedere: “Mi hanno messo al centro della sala ed hanno cominciato a pronunciare delle formule. Sentivo freddo e non riuscivo a muovermi. Ad un tratto sento che dicono: ‘Basta con lui non ci riusciamo'”. Solo dopo tempo ho scoperto che stavano cercando di farmi possedere dall’anima del membro defunto”.

Ecco il video completo della testimonianza condiviso su ‘Gloria Tv’

Ex massone testimonia: "La massoneria è una setta" - Video

Luca Scapatello