Il paesaggio coperto dalla neve: l’emergenza gelo

Neve: gara di solidarietà per gli aiuti ai clochards
Emergenza neve

Il paesaggio ricoperto dalla neve, anche se mostra solo tetti e terrazze, è uno spettacolo fantastico.
Il cielo bianco, in cui tutto si disperde, sempre averci trasportato più su, a qualche centinaio di chilometri dalla terra ferma, verso il cielo e l’Altissimo.
Un’atmosfera placida e favorevole per pregare, questa, ma senza dimenticare chi, nella neve e nel freddo, passa anche la nottata.

Molti senzatetto hanno bisogno di aiuto in queste ore, per non soccombere o morire assiderati.
Così, a Roma, le stazioni metro e ferroviarie sono state aperte ai clochards: Vittorio Emanuele e Flaminio (Linea A), Piramide (Linea B), stazione Stella Polare (Ferrovia Roma Lido).
La stazione Termini e la stazione Tiburtina hanno preparato 30 posti letto ciascuna; 130 posti sono, invece, offerti dal Municipio IV (per opera della Croce Rossa) e dal Municipio XIV.
Ci si può rivolgere, per ogni segnalazione, alla Sala Operativa Sociale, al numero verde 800440022, perché si attui un monitoraggio ulteriore, dei bisogni e delle varie situazioni, che in queste ore, con l’aiuto di molti enti e associazioni, si debbono fronteggiare, per l’emergenze neve.

“Il dispositivo messo in campo, tra ieri e oggi, garantisce 400 posti aggiuntivi, per l’accoglienza delle persone senza dimora e in condizione di fragilità. Si tratta di interventi predisposti per fronteggiare eventuali criticità climatiche e che si sommano al sistema ordinario attivo tutto l’anno (oltre mille posti al giorno) e al Piano Freddo avviato il 1 dicembre (381 posti notturni e 246 diurni). (…) I Municipi stanno fornendo un apporto enorme, mettendo a sistema lo sforzo di tutti. I numeri per l’accoglienza sono in costante crescita, con una sorta di gara della solidarietà, che sta facendo emergere il volto migliore della città”, dice l’Assessore alla Persona, Scuola e Comunità Solidale, Laura Baldassarre.

Ma, siccome il freddo sta attraversando in lungo e in largo la nostra penisola, da nord a sud, da est ad ovest, sono tante le città che hanno attivato soccorsi opportuni, ma soprattutto solidali.
Sono i “Piani freddo”, creati per l’assistenza alle persone che vivono in strada, che chiedono a tutti gli altri di collaborare, di segnalare le problematiche.
La Caritas fa sapere che dovrebbero essere circa 16.000 i senzatetto da raggiungere.

Da Milano, si comunica il numero dei posti a disposizione: “fino ad arrivare a circa 2.700 posti letto a disposizione, per l’intera settimana in cui prevista l’ondata di gelo”.
Ci sono molti gruppi, molte squadre mobili che, ora dopo ora, si riversano in strada per donare coperte, bevande calde e dare indicazioni su dove trovare la sistemazione per la notte.

In Campania, in città come Salerno e Napoli (per citarne due), si sono avviati i soccorsi e aperte le stazioni.
Intanto, la Comunità di Sant’Egidio, si occupa della raccolta di coperte, cappelli di lana, sacchi a pelo, thermos e generi alimentari.
La Protezione Civile e le Unità di Strada, la Caritas, la Croce Rossa e tante altre istituzioni sono composte da uomini e donne che stanno facendo il possibile per salvare le vite dei clochards. Lo fanno tutto l’anno, ma in questi giorni in particolare.

A loro va in nostro infinito “grazie” e il nostro sostegno (anche materiale, se possibile), nonché le nostre preghiere, perché tutto si risolva per il meglio.
Ciascuno di noi (pur non abitando in città grandi e così organizzate) può fare molto, per aiutare gli altri in difficoltà (anche tutto l’anno); basta volerlo e trovare il modo per attuarlo, anche attraverso le indicazioni di chi ha fatto (prima di noi) della generosità una missione di vita.

Antonella Sanicanti

Se vuoi essere aggiornato solamente sulle notizie di tuo interesse, è arrivata l'APP che ti invierà solo le notifiche per le notizie di tuo interesse!

✅ Scarica Qui x Android: TopDay_PlayStore
✅ Scarica Qui x OS: TopDay_AppStore