CEI: il messaggio dei Vescovi rivolto a un’Europa in crisi

Nel mezzo della pandemia, in Europa la voce delle conferenze episcopali si alza contro le istituzioni del Vecchio Continente. Sullo sfondo, un bisogno imperante.

Europa
L’Europa deve tornare ad essere cristiana per ritrovare sé stessa – photo web source

Il messaggio dei vescovi a un’Europa sempre più “stanca”, come l’ha definita il Papa nel suo storico discorso a Bruxelles, e scristianizzata, è “un messaggio di speranza e un appello alla solidarietà”. La domanda che quindi tutti devono necessariamente porsi, e in particolare i membri delle istituzioni europee, è ben chiara. Chi ci ha insegnato quei valori tanto sbandierati? Chi è la fonte della vera pace e del vero progresso sociale e umano?

Il messaggio dei vescovi alle istituzioni europee

Il punto centrale del richiamo dei vescovi, infatti, è implicito, che sia il bisogno di ritornare a Cristo per poter ritrovare le proprie radici e guardare con speranza al futuro. Senza di Lui, infatti, nulla è possibile. I vescovi hanno infatti ribadito l’impegno della Chiesa cattolica “per la costruzione dell’Europa, che ha portato pace e prosperità al nostro continente, e ai suoi valori fondanti di solidarietà, libertà, inviolabilità della dignità umana, democrazia, stato di diritto, uguaglianza, e difesa e promozione dei diritti umani”.

Europa
La Comece, la conferenza episcopale dei vescovi europei – photo web source

Europa: I diritti umani sono vuoti senza la Verità

Ma questi diritti umani perdono valore e consistenza se non sono radicati in Qualcuno che dia loro una dimensione vera, autentica, e un’orizzonte di Salvezza. Quel Qualcuno è Gesù, il Salvatore. L’Europa, nonostante le guerre intestine che hanno attraversato i secoli, l’individualismo, l’egoismo, l’illuminismo, si fonda proprio su di Lui e sulla storia cristiana che ne deriva.

Senza Gesù, infatti, non c’è futuro. Perché Lui è la Via da seguire per una società fondata sulla vera pace e sulla reale prosperità. Un progresso cioè che includa tutti e che soprattutto porti in grembo l’orizzonte ultimo dell’esistenza umana, la Salvezza eterna. Ogni progetto materialista è destinato infatti a finire nella caducità e nell’irrilevanza, a cadere cioè nel vuoto come ogni cosa di questa terra.

In Europa c’è bisogno di tornare a Cristo, altrimenti si perde tutto

Nel Vangelo è infatti scritto: “Che giova infatti all’uomo guadagnare il mondo intero, se poi perde la propria anima? E che cosa potrebbe mai dare un uomo in cambio della propria anima? Chi si vergognerà di me e delle mie parole davanti a questa generazione adultera e peccatrice, anche il Figlio dell’uomo si vergognerà di lui, quando verrà nella gloria del Padre suo con gli angeli santi” (Marco 8,36-38).

photo web source

La missiva dei vescovi europei è firmata dal presidente della Conferenza episcopale italiana, il cardinale Gualtiero Bassetti, e di tutti i leader degli episcopati dei Paesi Ue. Questa arriva dopo la Lettera di Papa Francesco per i 40 anni della Comece, la Commissione degli episcopati dell’Unione europea.

I vescovi europei: il futuro non dipende solo dall’economia

Il futuro dell’Ue, spiegano ancora i vescovi, “non dipende solo dall’economia e dalle finanze, ma anche da uno spirito comune e da una nuova mentalità”. Secondo i vescovi europei è infatti “il momento infatti di ripensare e ristrutturare l’attuale modello di globalizzazione, per garantire il rispetto dell’ambiente, l’apertura alla vita, l’attenzione alla famiglia, l’uguaglianza sociale, la dignità dei lavoratori e i diritti delle generazioni future”.

Europa
photo web source

In tutto ciò, è inoltre di fondamentale importanza il mantenimento della piena libertà religiosa in ogni Paese. Libertà, purtroppo, spesso messa in crisi in molteplici maniere. Dall’impedimento inaccettabile delle celebrazioni liturgiche da parte dei governi, nell’ambito dei piani di contrasto alla pandemia, agli attacchi sempre più frequenti ai cristiani, alle chiese e ai simboli della fede in tutta Europa.

La libertà religiosa a rischio in Europa: svegliamoci!

“Un elemento cruciale per la Chiesa in tanti Stati Membri durante la pandemia è quello del rispetto per la libertà di religione dei credenti, in particolare la libertà di riunirsi per esercitare la propria libertà di culto, nel pieno rispetto delle esigenze sanitarie”, tuonano infatti i vescovi europei.

Gesu ha vinto il mondo

C’è quindi bisogno di reagire, di costruire una società più giusta che sia capace di ritornare ai valori fondamentali, alla legge del Signore che ci mostra il cammino per la Vita eterna. Come infatti ha invitato a fare Papa Francesco, nell’appello lanciato la Domenica di Pasqua all’Europa nel suo messaggio Urbi et Orbi, è necessario invocare il Signore affinché “ci accompagni nel nostro pellegrinaggio verso un mondo migliore!”.

Giovanni Bernardi

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Lalucedimaria.it scrivendoci al seguente indirizzo: [email protected]