Ecco le Sconvolgenti Parole e le Incredibili Azioni che San Francesco disse e fece vedere al Sultano!

Nelle Fonti francescane ci sono due parti che riportano la testimonianza della vita di San Francesco. Una è quella più famosa detta del Celano, ossia Tommaso Celano considerato il primo e grande biografo del serafico padre. La seconda aggiunge alla prima molti dettagli ed è scritta dal quello che da sempre si identifica come Frate illuminato.

In questi tempi difficili, dove la pace è gravemente è pericolosamente in bilico e in cui l’Islam attacca violentemente i cristiani, tra persecuzioni e terrorismo, ci sembra buona cosa riportare un fatto noto, ma interpretato troppo spesso a convenienza di alcuni, legato a San Francesco e al suo desiderio profondo di convertire i musulmani e alla sua visita al sultano Melek El Kamel.

Tommaso da Celano scrive:

Nel tredicesimo anno dalla sua conversione, partì per la Siria, e mentre infuriavano aspre battaglie tra cristiani e pagani, preso con sé un compagno, non esitò a presentarsi al cospetto del Sultano (Melek-el-Kamel). Chi potrebbe descrivere la sicurezza e il coraggio con cui gli stava davanti e gli parlava, e la decisione e l’eloquenza con cui rispondeva a quelli che ingiuriavano la legge cristiana? Prima di giungere al Sultano, i suoi sicari l’afferrarono, l’insultarono, lo sferzarono, ed egli non temette nulla: né minacce, né torture, né morte; e sebbene investito dall’odio brutale di molti, eccolo accolto dal Sultano con grande onore!”.

Il Frate illuminato scrive così:

“Mentre il beato Francesco era alla corte, il sultano volle mettere alla prova la fede e la devozione che egli mostrava d’avere verso il Signore nostro crocifisso. Un giorno fece stendere nella sala delle udienze uno splendido tappeto, decorato per intero con un motivo geometrico a forma di croce, e poi disse ai presenti: ‘Si chiami ora quell’uomo che sembra essere un cristiano autentico; se per venire fino a me calpesterà con i suoi piedi questi segni di croce intessuti nel tappeto, l’accuseremo di fare ingiustizia al suo Signore; se invece si rifiuta di venire gli domanderò perché commetta questa scortesia di non venire fino a me’. Chiamato, il beato Francesco, che era pieno di Dio e da questa pienezza era bene istruito su quanto doveva fare e su quanto doveva dire, andò dritto dal Sultano. Quegli, ritenendo d’aver motivo sufficiente per rimproverare l’uomo di Dio perché aveva fatto ingiuria al suo Signore Gesù Cristo, gli disse: ‘Voi cristiani adorate la croce, come segno speciale del vostro Dio; perché dunque non hai avuto timore a calpestare questi segni della croce disegnati sul tappeto?’. Rispose il beato Francesco: ‘Dovete sapere che assieme al Signore nostro furono crocifissi anche due ladroni. Noi possediamo la vera croce del Signore e Salvatore nostro Gesù Cristo, e questa noi l’adoriamo e la circondiamo della più profonda devozione. Ora, mentre questa santa e vera croce del Signore fu consegnata a noi, a voi invece sono state lasciate le croci dei due ladroni. Ecco perché non ho avuto paura di camminare sui segni della croce dei ladroni. Tra voi non c’è nulla della santa croce.’ Il Sultano sottopose anche un’altra questione: ‘Il vostro Signore insegna nei Vangeli che voi non dovete rendere male per male, e non dovete rifiutare neppure il mantello a chi vuol togliere la tonaca. Quanto più voi cristiani non dovreste invadere le nostre terre.’ Rispose il beato Francesco: ‘Mi sembra che voi non abbiate letto tutto il Vangelo. Altrove, infatti, è detto: se il tuo occhio ti è occasione di scandalo, cavalo e gettalo lontano da te. E con questo ha voluto insegnarci che se anche un uomo ci fosse amico o parente, o perfino fosse a noi caro come la pupilla dell’occhio, dovremmo essere disposti a separarlo, allontanarlo, a sradicarlo da noi, se tenta di allontanarci dalla fede e dall’amore del nostro Dio. Proprio per questo i cristiani agiscono secondo giustizia quando invadono le vostre terre e vi combattono, perché voi bestemmiate il nome di Cristo e vi adoperate ad allontanare dalla religione di lui quanti più uomini potete. Se invece voleste conoscere, confessare e adorare il Creatore e Redentore del mondo, vi amerebbero come se stessi.’ Il Sultano disse: ‘Raduniamo qui i nostri savi e discutiamo della nostra e della vostra fede.’ Replicò il beato Francesco: ‘La nostra fede è superiore alla ragione e la ragione riesce persuasiva solo per chi crede. Inoltre non potrei prendere argomenti dalla Scrittura, perché loro alla Scrittura non credono. Si faccia piuttosto un fuoco con legna di bosco: io entrerò nel fuoco insieme con i vostri savi; quelli che saranno bruciati, segno che la loro fede è falsa.’ Ma subito i savi del Sultano si ritirarono, tanto che il sultano si mise a sorridere dicendo: ‘Non credo che troverei qualcuno disposto a entrare con voi nel fuoco’”.

Risulta molto chiara qui la differenza tra l’essere pacifici e pacifisti. San Francesco voleva diffondere il Vangelo di Cristo e il concetto di pace che diffondeva, e di cui voleva contagiare tutti, era quello stesso del Vangelo, ossia una pace che non sia soltanto un desiderio di assenza di guerra o un sentimentalismo – che tra l’altro è sempre fine a se stesso – che non portano a nulla. Insomma, San Francesco desiderava e predicava la pace che non può prescindere dalla giustizia di Dio. Il Vangelo aveva per San Francesco la priorità su ogni cosa, perché tutta la vita dei singoli e del mondo deve essere governata dal Vangelo di Cristo Gesù.

Solo così avremo la pace vera. Solo così si potranno convertire i cuori più duri e reticenti e avremo la pace vera. Non con tante parole, non con ragionamenti e dialoghi impossibili, ma con la conversione dei cuori a Gesù Cristo il Redentore.