Ecco cosa accade a chi osa difendere la Famiglia naturale..

Schermata 2016-01-24 alle 15.23.02

Vittorio Sgarbi, dopo Lorella Cuccarini , Checco Zalone, Alfonso Signorini, Stefano Dolce, Cristiano Malgioglio, Il cantante Povia. E’ stato vittima di un vero e proprio linciaggio mediatico fatto di insulti e di minacce dal popolo Gay che si è scatenato sui social come suo solito, quando qualcuno ha l’ardire di esprimere in maniera civile la sua opinione contraria alle adozione gay. Anatema guai a ledere la sovrana maestà del pensiero Lgbt che ormai vorrebbe esercitare una vera e propria dittatura che non accetta alcun contraddittorio lanciando anatemi, insulti , parolacce  a coloro che hanno l’ardire di dire le cose come stanno. Tutti accusati di omofobia e condannati solo per aver osato parlare in maniera negativa di qualcosa che la natura ha già catalogato in maniera inequivocabile.

Come volevasi dimostrare proprio coloro che professano tolleranza che si battono per i diritti di uguaglianza , che non permetta disparità di trattamenti. Che poi però quando qualcuno esprime civilmente pareri contrastanti viene massacrato e linciato ecco le parole di Sgarbi che hanno scatenato la violenta reazione:

“La famiglia – spiega – è un padre e una madre. E una madre non può essere uno con la barba o i baffi”.

A una settimana dal Family Day e nel giorno delle manifestazioni in tutta Italia a favore delle nozze gay, sul dibattito che infiamma la politica (con il Parlamento che sta per approvare la legge Cirinnà sulle unioni civili), con pacatezza e poche parole, dice la sua Vittorio Sgarbi. Lo fa su Facebook, dove esprime la sua posizione: “La famiglia – spiega – è un padre e una madre.

E una madre non può essere uno con la barba o i baffi”. Un parere, condivisibile o meno, espresso con delicatezza e garbo. La risposta? Un vero e proprio linciaggio-social.

Nel giro di pochi minuti la pagina Facebook del critico d’arte è stata sommersa di minacce e insulti (gran parte dei quali irriferibili). Tra gli improperi c’è chi gli dice: “Scommetto che tuo figlio avrebbe preferito una madre con la barba anziché avere un padre come te che lo rinnegasse!”. E ancora: “Sentire sgarbi che fa la morale sul concetto di famiglia quando il suo ruolo di padre si è fermato all’uscita del seme è un po’ come avere a che fare con un vegano che coltiva piante carnivore“. Poi altre accuse (solo tra quelle vagamente riferibili): “Vittorio Sgarbi dov’è la sua famiglia?Di chi è Padre lei? E di fianco a quale madre ha cresciuto i suoi figli?”. E ancora: “E tu che c….. ne sai di famiglia? C’hai figli sparsi a destra e a manca, senza padre, ovviamente…parlami di quadri, che qualcosa ne capisci…”. “Sgarbi sei la prova vivente che avere una grande cultura non è sinonimo di essere intelligenti”. Oppure: “Disse colui che paga le donne per farci sesso e che non si è mai sposato in vita sua!”

Alcuni commenti molto più aggressivi e violenti non sono stati riportati per non pubblicizzare l’imbecillità di alcuni personaggi che non meritano di essere presi in considerazione.

 Fonte:noaimatrimonigayinitalia.it