Don Minutella: stavolta arriva la scomunica ufficiale!

Don MinutellaA don Minutella, “Per il delitto di eresia e per il delitto di scisma, come previsto dalla Legge canonica (cfr. can.1364 §1 CIC), con tutte le conseguenze derivanti dallo stesso provvedimento”, dopo tanto tergiversare, sembra essere arrivata la comunicazione ufficiale della scomunica.
Così, l’Arcidiocesi di Palermo, oggi, notifica la scomunica “latae sententiae” per il sacerdote don Alessandro Maria Minutella.

Il sacerdote, che ha a lungo insultato il Papa; che è seguito e difeso da tantissimi fedeli; che definisce la Chiesa una «multinazionale della menzogna e della falsità. Prostituta indegna, venduta ai poteri del mondo»; che aveva già perso il diritto ad operare in parrocchia ed è noto per le sue presunte e auto-attribuite locuzioni interiori (per le quali dichiara di essere in contatto con la Vergine Maria, gli angeli e i santi), è stato ora esplicitamente dichiarato estraneo alla Chiesa e ai suoi intenti di diffondere la Verità della Parola di Dio.

Don Minutella: le accuse contro di lui

Ecco uno dei pareri sull’operato che don Minutella ha realizzato, in questi ultimi anni: “Poiché “le divine locuzioni” di cui don Minutella è artefice vengono ampiamente diffuse online, e rappresentano un serio rischio per il profondo turbamento di molte coscienze, si precisa che sono ingannevoli e forvianti le sue “profezie” e che la loro diffusione mette seriamente a rischio la genuina devozione popolare verso la Madonna, gli angeli e i santi. È quanto meno strumentale l’invenzione dell’acqua miracolosa, che avrebbe poteri soprannaturali e terapeutici, perché gioca con la sacra sensibilità dei semplici che vivono seri momenti di prova. Corre l’obbligo di avvertire tutti i fedeli che tali pratiche oltre ad essere contrarie al volere della Chiesa, sono fortemente sospette di manipolazione delle coscienze”.

Per giustificarsi, lui ribadiva: “La vera Chiesa ha deciso di non dovere intervenire con me. Ho mandato due lettere a Benedetto XVI e non mi hanno risposto. Ho mandato la richiesta d’incontrare – come succedeva in passato – il cardinale Burke – e non mi ha risposto. I mezzi di comunicazione della vera Chiesa mi boicottano. (…) Allora, se tacciono anche da “questa parte”, il rischio è che si pensi che io sto portando avanti una mia chiesa, che io stia creando una setta. Ma io non sto facendo nulla di tutto questo. Io sto difendendo la Santa Madre Chiesa”.

Sarò questo l’ultimo capitolo della interminabile epopea di don Minutella contro la nostra Chiesa?

Potrebbe interessarti anche: Per sapere di più su chi è don Minutella?

Antonella Sanicanti

Segui tutte le nostre News anche attraverso il nuovo servizio di Google News, CLICCA QUI