Don Luigi Ciotti parla dell’impegno di papa Francesco contro la mafia

Don Luigi Ciotti parla dell'impegno di papa Francesco contro la mafia
Don Ciotti saluta papa Francesco

A margine di un convegno organizzato dall’associazione ‘Cavalieri di San Martino del Monte delle Beatitudini’, il sito d’informazione cristiana ‘Aleteia‘ ha avuto modo di intervistare Don Luigi Ciotti, un sacerdote che attraverso ‘Libera’ lotta da anni contro la corruzione e le mafie esistenti in Italia. Dalla conversazione con il parroco è emerso un dettaglio importante, ovvero che papa Francesco è da tempo impegnato nella lotta contro la corruzione e la mafia, ben prima di diventare Papa.

La lotta della Chiesa alla mafia

La prima domanda che viene rivolta a Don Ciotti riguarda la commistione tra mafia e chiesa nel sud Italia, alla quale risponde ricordando come da tempo ci sia una condanna esplicita delle organizzazioni criminali, iniziata con le dure parole di Papa Giovanni Paolo II nel 1993: “Le parole chiare di papa francesco in due circostanze non dimenticando le parole di Papa Giovanni Paolo avvenute 25 anni fa in questi giorni, nella Valle dei Templi. Al gesto forte del Papa la Mafia rispose con l’uccisione di due sacerdoti e con le bombe nelle chiese di Roma. Quel sacrificio non possiamo dimenticarlo”.

Continuando a parlare dell’attuale papa, Don Ciotti ricorda come Bergoglio abbia a cuore questo argomento sin da quando era vescovo di Buenos Aires: “Già nel 2000 ne parlava, ho trovato una sua predicazione di quando era arcivescovo in cui faceva una analisi così perfetta proprio sulla corruzione e le mafie, ma soprattutto su quello che ci sta dietro. Non basta parlare degli effetti bisogna risalire alle cause, è anche questo il ruolo di una Chiesa che deve avere più forza e più coraggio saldando la terra con il Cielo. C’è questo bisogno di verità, di libertà, di giustizia quaggiù che ha bisogno di una dimensione spirituale per completarsi”. Proprio quest’anno, nel mese di gennaio, papa Francesco ha voluto ribadire la necessità della lotta alla mafia.

Luca Scapatello