Don Aldo senza la famiglia non c’è futuro

 

 

La lotta contro le Unioni Civili e la legge Cirinnà continua senza sosta per la Chiesa e per le associazioni a lei collegate. Il 28 Gennaio, Don Aldo Bonaiuto, in occasione del convegno “La famiglia è una. I diritti sono per tutti”, iniziativa promossa dall’associazione per la formazione alla democrazia, solidarietà e responsabilità ‘Italia più’, non ha mancato di ribadirlo con parole dure e di condanna per le recenti decisioni internazionali.

 

Don Aldo Bonaiuto in qualità di direttore responsabile della testata giornalistica ‘In Terris’ e di membro di membro dell’Associazione ‘Giovanni XXIII’ è stato invitato a presentare il convegno e ad offrire testimonianza delle sue istanze, così, in apertura di dibattito ha detto: “Fin dall’inizio c’è stato il tentatore, avversario di Dio e dell’esistenza umana, separatore della famiglia ma anche dell’uomo da se stesso per renderlo debole e distruggere la famiglia”.

 

Queste parole servono ad introdurre il concetto che distruggendo la famiglia tradizionale si distruggono anche le basi su cui si poggia la società. A tal proposito il Sacerdote avverte i presenti che non bisogna arrendersi alle tendenze moderne e che è un bene continuare a combattere per offrire un esempio a tutto il mondo, affinché, insomma, l’Italia cattolica sia: “Un modello vincente, una minoranza, ma vincente, che possa affermare non quello che dice il branco di pecore ma qualcosa di unico che farà la storia”.

Se vuoi essere aggiornato solamente sulle notizie di tuo interesse, è arrivata l'APP che ti invierà solo le notifiche per le notizie di tuo interesse!

✅ Scarica Qui x Android: TopDay_PlayStore
✅ Scarica Qui x OS: TopDay_AppStore