Se sei divorziato , questi sono gli 8 passi che ti avvicinano a Dio

 

7844514_orig

Dopo un’esperienza traumatica come la separazione o il divorzio capita che le persone coinvolte si sentano abbandonate da Dio. Per aiutare queste persone a ritrovare la fede, a partire dal 1997, il sacerdote Eugenio Zanetti ha fondato “La Casa”, un gruppo che si occupa di tutti coloro che si vogliono riavvicinare a Dio dopo il divorzio.

 

Padre Zanetti spiega con poche e semplici parole in cosa consiste il gruppo e quali sono le motivazioni che hanno spinto lui ed i suoi collaboratori ad intraprendere questo cammino:”Abbiamo provato a farci compagni di viaggio di questi amici; a volte stando dietro di loro, per sostenerli; a volte mettendoci a fianco, per condividerne i passi; a volte ponendoci davanti, per dare speranza così la Chiesa di Bergamo dal 1997 ha avviato questo cammino di accompagnamento dando vita al gruppo “La Casa” ”.

 

Quasi vent’anni di esperienza hanno permesso a questo gruppo di strutturare un percorso fatto di otto tappe perfettamente rodato che ha dato grandi risultati, ma vediamo passo dopo passo in cosa consiste questo percorso:

 

1- La Preghiera: tutto il progetto si basa sulla preghiera, questa è lo strumento ideale per ritrovare un contatto sincero e personale con Dio, il gruppo aiuta le persone in difficoltà a riabituarsi gradualmente alla parola di Dio.

 

2- Consulenza per la nullità: si tratta di un momento cruciale di tutto il percorso in cui uno specialista ecclesiastico vaglia le motivazioni della separazione e ne giudica la validità. Nel caso in cui venga approvata la nullità vengono indicati i passi successivi da intraprendere per avviare una causa di nullità o scioglimento.

 

3-Cammino personale: in questa fase il divorziato viene affidato ad una guida spirituale e ad un consulente specialista, qualora ci fosse bisogno, per esaminare il vissuto ed il passato della persona. In questo modo si capisce a che punto è il percorso interiore del soggetto che viene poi aiutato a progredire anche grazie a degli interventi spirituali (anche sacramentali). E’ fondamentale che dalla consulenza emerga la verità dei fatti e sopratutto la verità emotiva.

 

4-Itinerario di gruppo: superato il percorso personale solitamente vengono suggeriti dei percorsi di gruppo dove il divorziato viene indirizzato nella fedele permanenza della scelta matrimoniale, nonostante il soggetto in questione non si trovi più con il proprio coniuge. In questa fase viene anche organizzata qualche preghiera collettiva, di solito incentrata su un tema in particolare che cambia ad ogni incontro. Alla fine di ogni incontro viene lasciato spazio alla parola di Dio.

 

5- La parola di Dio: come detto al termine di ogni incontro viene lasciato spazio alla parola di Dio, il momento successivo è dedicato alla comprensione del messaggio, i parrocchiani si succedono offrendo la propria versione del messaggio appena ascoltato.

 

6-La strada per la felicità: preso contatto con la parola di Dio si passa ad un altro momento cruciale che riguarda la ricerca, tramite il racconto del proprio vissuto (il divorziato è invitato a condividere la propria storia dall’inizio alla fine) della felicità: “ L’obiettivo più importante è riuscire a cogliere e a sviluppare dentro il vissuto  quale desiderio abita l’esistenza umana, e qual è quell’anelito che muove ad una promessa di bene e di felicità”.

 

7- Il perdono: dopo aver ritrovato la felicità, arriva il momento del perdono. Il divorziato deve prima di tutto perdonare se stesso ed inseguito perdonare gli altri per i torti subiti (ad esempio il coniuge). Questo permette che ci sia tra lui e l’esterno una riconciliazione che dovrebbe concidere con una riconciliazione con Dio.

 

8-Il servizio: se la persona è riuscita a conciliarsi vive la vita con un interiorità diversa e più profonda questo gli permette di essere in contatto con Dio e lo rende finalmente disponibile a mettersi al servizio dell’altro, così parla di questa fase Don Zanetti: “E’ qui che scatta il rinnovamento interiore, il discernimento si avvia alla conclusione con una persona che ha deciso di voltare pagina e ripartire da Dio e da un equilibrio interiore rinnovato”.