Da oggi cambia il Rosario: ecco come recitarlo

RosarioDa oggi e fino alla fine del mese di Ottobre almeno, adotteremo un altro modo di pregare il Santo Rosario.
Come ha comunicato la Sala Stampa della Santa Sede: “Il Santo Padre ha deciso di invitare tutti i fedeli, di tutto il mondo, a pregare il Santo Rosario ogni giorno, durante l’intero mese mariano di ottobre e a unirsi così in comunione e in penitenza, come popolo di Dio, nel chiedere alla Santa Madre di Dio e a San Michele Arcangelo di proteggere la Chiesa dal diavolo, che sempre mira a dividerci da Dio e tra di noi”.

Dunque, la recita del Santo Rosario, ogni giorno, sarà conclusa con la preghiera “Sub Tuum Praesidium” (rivolta alla Vergine Maria) e con quella di Papa Leone XIII (rivolta all’Arcangelo San Michele).
In questo modo, il Santo Rosario, che è l’arma più potente contro il demonio e le sue prepotenze, sarà rafforzato e indirizzato a difendere tutti noi dal maligno.

La preghiera di Papa Leone XIII, da lui scritta e propagata nel 1886, dopo una terribile visione delle forze del male che attaccavano l’umanità, venne messa da parte per disposizione del Concilio Vaticano II.
Lo spiega Don Marcello Stanzione: “Molte persone, oggi anziane, ricordano che, prima della Riforma Liturgica del Concilio Vaticano II, il celebrante ed i fedeli si mettevano in ginocchio, alla fine di ogni Messa, per recitare una preghiera alla Madonna ed una al Principe degli Angeli, scritta dal papa Leone XIII, che diceva:
“San Michele Arcangelo, difendici nella battaglia, contro le malvagità e le insidie del demonio sii nostro aiuto. Ti preghiamo supplici: che il Signore lo comandi! E tu, Principe delle milizie celesti, con la potenza che ti viene da Dio, ricaccia nell’inferno Satana e gli altri spiriti maligni che si aggirano per il mondo a perdizione delle anime”.

Esattamente il 26 Settembre del 1964, la preghiera di Papa Leone XIII su sospesa. Molti religiosi continuarono a propagarla, comprendendone il senso e la valenza. Tra loro ci furono San Pio e San Giovanni Paolo II che mai smisero di recitarla.
In Particolare, quest’ultimo, del 1987, affermò: “Questa lotta contro il demonio, che contraddistingue la figura dell’Arcangelo Michele, è attuale anche oggi, perché il demonio è tuttora vivo e operante nel mondo. In questa lotta, l’Arcangelo Michele è a fianco della Chiesa per difenderla contro le tentazioni del secolo, per aiutare i credenti a resistere al demonio che come leone ruggente va in giro cercando chi divorare”.
Oggi, proprio oggi, riprendiamo le armi della fede e la battaglia contro il male.

Antonella Sanicanti

Segui tutte le nostre News anche attraverso il nuovo servizio di Google News, CLICCA QUI