Natale: il Coronavirus “uccide” i presepi a Napoli. Il grido di aiuto

L’appello  viene da una delle più importanti strade di Napoli, San Gregorio Armeno. L’arte del presepe sta morendo a causa della pandemia.

Il Coronavirus, e le relative restrizioni, stanno uccidendo la più importante “via dei Presepi” a Napoli. Il grido d’aiuto di San Gregorio Armeno.

Napoli: San Gregorio Armeno chiede aiuto

Napoli e la Campania sono, ancora, in zona rossa. La pandemia non allenta la sua morsa sulla città e sulla Regione, e le misure restrittive non tendono ad allentarsi. Chiusure obbligate, chiusure anticipate e un Natale che si prospetta all’insegna della prudenza e di uno shopping a singhiozzo.

I maestri presepai: “Non venderemo le nostre statuine”

A Napoli c’è, però, un luogo, una via, che vive solo ed esclusivamente nel periodo di Natale. Un’intera strada che fonda la sua economia proprio sul Natale e sul presepe: San Gregorio Armeno. Una via fatta di tante piccole botteghe artigiane, mantenute tutte da maestri presepai.

Una via che, però, sta morendo piano piano: “Non ci sono turisti, non c’è via vai nemmeno degli stessi napoletani. E noi le nostre statuine a chi le vendiamo?” – è il grido d’allarme lanciato.

san gregorio armeno 2
photo web source

Napoli, il maestro Ferrigno: “Ci diano i fondi per salvare la stagione”

Saracinesche abbassate e botteghe deserte e strade altrettanto vuote. Su ogni bottega campeggia uno striscione con la scritta: “Io non apro. Senza aiuti le botteghe muoiono”.

A parlare a none di tutti è Marco Ferrigno, uno dei principali maestri presepai di San Gregorio Armeno: “Siamo pronti ad andare avanti almeno fino a quando il governatore Vincenzo De Luca non ci ascolterà. San Gregorio Armeno è tutelata dall’Unesco. Ci diano almeno i fondi per salvare la stagione”.

L’assurda beffa: i cinesi vogliono acquistare i locali di San Gregorio Armeno dei maestri presepai

Ciò che però è un vero colpo al cuore è l’ultima beffa verso i commercianti di San Gregorio Armeno: “Noi siamo chiusi per colpa della pandemia e delle restrizioni. Però il paradosso è che ci stanno arrivando offerte, per l’acquisto dei locali dei nostri negozi in difficoltà, da parte dei cinesi. Noi chiudiamo e loro aprono. E’ assurdo”.

san gregorio armeno
photo web source

Una questione che non può e non deve essere ignorata. Una strada, proclamata Patrimonio dell’Unesco dall’Italia ma abbandonata a se stessa dal Governo Italiano e chiusa dai suoi DPCM, mentre il commercio internazionale dei cinesi avanza.

ROSALIA GIGLIANO

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Lalucedimaria.it scrivendoci al seguente indirizzo: [email protected]