Asintomatico credeva di non essere contagioso. L’amico muore in pochi giorni

Un camionista californiano ha contratto il Covid dopo aver partecipato ad un party. Scoperta l’infezione l’uomo si è pentito ed è morto qualche giorno dopo.

Foto dal Web

Anche a Lockdown finito Thomas Macias usciva solo se necessario. Si è convinto ad andare alla festa per via dell’allentamento delle misure di sicurezza.

Cotrae il covid alla festa

Durante tutto il periodo del Lockdown ed anche nei giorni immediatamente successivi, Thomas Macias, camionista di 51 anni, ha osservato tutte le disposizioni. L’uomo temeva il covid anche perché sapeva di essere sovrappeso e soffriva di diabete. Tuttavia quando il Governatore della California ha allentato le misure di sicurezza, l’uomo ha pensato di potersi concedere un barbecue in compagnia di amici.

Leggi anche ->Covid-19 party, il nuovo sballo: i giovani si infettano spontaneamente

Giunto nella villa di amici a Lake Elsinore, non lontano da Los Angeles, Thomas si è goduto la festa ma la sera stessa si è sentito male. A quel punto un amico gli ha confessato che era positivo al virus già prima del party, ma non pensava di essere contagioso poiché asintomatico. A quel punto il camionista ha fatto subito il tampone scoprendo di essere stato contagiato.

Leggi anche -> Fase 2, al via i Test Covid-19 della Croce Rossa. Sono gratuiti!

Il post di rammarico su Facebook e la morte di Thomas

Quando Thomas ha ricevuto l’esito del tampone ha scritto su Facebook la sua vicenda per informare gli altri del rischio ancora esistente di ammalarsi. Nel post si rammaricava di aver deciso di partecipare alla festa. Era il 18 giugno, dopo soli 3 giorni le condizioni di Thomas sono peggiorate all’improvviso ed è morto.

Nel post Thomas scriveva: “Sono uscito un paio di settimane fa … a causa della mia stupidità ho messo a rischio mia madre, le mie sorelle e la salute della mia famiglia. È stata un’esperienza molto dolorosa. Non è uno scherzo”. Nel continuo l’uomo consigliava a tutti di rispettare le regole, indossare la mascherina e rispettare la distanza sociale, quindi si augurava di sopravvivere. Purtroppo non ci è riuscito, ma la sua storia è diventata virale ed ora è utilizzata come monito per chi non rispetta le regole.

Segui tutte le nostre News anche attraverso il nuovo servizio di Google News, CLICCA QUI

Luca Scapatello

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Lalucedimaria.it scrivendoci al seguente indirizzo: [email protected]