Covid, Montezemolo: “colpevole ritardo, impegni disattesi. Manca visione”

Lo sfogo dell’imprenditore ed ex presidente della Ferrari Luca Cordero di Montezemolo: “Basta annunci. Il governo ha disatteso gli impegni”.

L’ex presidente della Ferrari Luca Cordero di Montezemolo: “si conosceva il grande rischio di una ripresa della pandemia ad ottobre, e in questi mesi c’è stato un colpevole ritardo” – photo web source

Per Montezemolo la situazione che si è venuta a creare in queste ore dopo le decisioni dell’attuale governo è tragica. “Oggi emerge un Paese bloccato, che vive alla giornata, senza una visione”, sono le dure parole dell’imprenditore.

L’ex presidente della Ferrari Montezemolo: “non ci siamo”

Montezemolo ha rilasciato un’intervista al Corriere della Sera da cui emerge tutto il disappunto di una parte della classe dirigente e industriale italiana, rispetto alle scelte messe in campo dall’esecutivo.

Per l’ex presidente della Ferrari, infatti, “non ci siamo”. Quello che si verrebbe a delineare in queste settimane è un Paese fermo senza idee per il futuro, che tampona l’emergenza senza sapere quale strada prendere. “Vedo bonus, sussidi, aiuti, troppi annunci che restano tali, ma nessuna strategia di politica economica”, è lo sfogo.

photo web source

Lo sfogo del manager: si conosceva il rischio e non si è fatto nulla

Rispetto al Coronavirus, infatti, “si conosceva il grande rischio di una ripresa della pandemia ad ottobre, e in questi mesi c’è stato un colpevole ritardo“. “Assurda la libertà su movide, discoteche e assembramenti”, commenta.

“Non si è potenziato il servizio sanitario nazionale e locale, di cui in queste ore vediamo le conseguenze, non si è rafforzato il trasporto locale, e i treni disponibili di Italo oggi potrebbero essere utili proprio per rafforzare la sicurezza, la qualità e ridurre l’affollamento dei regionali”.

L’incapacità delle autorità pubbliche a fronteggiare il virus

Un altro tema sul quale per l’imprenditore siamo ancora molto carenti è la prevenzione e il monitoraggio della pandemia. Il governo infatti, al di là delle misure di emergenza, non è riuscito a mettere in campo un vero e proprio sistema per combattere la pandemia, un piano organizzato con il quale monitorare e prevenire il rialzo dei contagi.

Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte oggi ha firmato il nuovo dpcm in cui si implementano misure più restrittive per molte attività, tra cui bar, ristoranti, palestre, piscine. Ritorna la didattica online per le scuole superiori – photo web source

Ora, tutto questo, lo stiamo di nuovo pagando duramente. “Sono ancora pochi tamponi e mascherine, poche le forniture alle scuole, ecc. Ecco, trovo ipocrita dare la colpa solo alla popolazione dopo averla incensata per il senso civico”.

“Il Covid ha scoperchiato forti fragilità che avevamo già prima”

Oggi Montezemolo è il presidente di Ntv, la società che gestisce i treni di Italo. Il suo giudizio del contesto economico in cui l’Italia si sta buttando è drammatico, ed emergono così ancora più forti le difficoltà che si avevano in precedenza.

“Il Covid ha scoperchiato forti fragilità che avevamo già prima. Abbiamo perso troppo tempo con Stati generali, task force, commissari vari”, dice Montezemolo. “Il Covid è l’emergenza assoluta, ma non vorrei che diventi anche il paravento per non affrontare di petto con urgenza problemi economico sociali del Paese”, è la considerazione.

Il duro attacco al Governo di Luca Cordero di Montezemolo. “Oggi emerge un Paese bloccato, che vive alla giornata, senza una visione”, ha affermato – photo web source

Montezemolo: “Cosa si può fare o no, non è per niente chiaro”

“So che è difficile, ma mi sarei aspettato interventi molto più drastici e meno confusi per i cittadini. Cosa si può fare o no, non è per niente chiaro”, ha spiegato l’imprenditore, facendosi portavoce di un’opinione in realtà molto diffusa tra imprenditori, industriali, soggetti del mondo del lavoro.

Nei mesi scorsi si è parlato di uno stanziamento di 1,2 miliardi per i treni. Una cifra consistente, insomma, di cui però l’imprenditore spiega che non si è visto in realtà nulla di concreto oltre gli annunci.

Montezemolo: “il governo ha disatteso gli impegni presi”

“Solo annunci, a maggio, il decreto rilancio prevedeva la creazione di un fondo di circa 1,2 miliardi a sostegno delle imprese di trasporti a mercato, cioè alta velocità e servizio merci, da distribuire in 15 anni”, ha risposto al giornalista che lo incalzava su questo tema.

Coronavirus e gesti di solidarietà, paga un caffè 50 euro per aiutare il bar
photo web source

“Il governo ha disatteso impegni presi, siamo a novembre e non è arrivato nulla. A questo punto se non arrivano i fondi promessi in tempi brevissimi, Italo sarà costretto a fermarsi. E sarebbe una grande sconfitta per il Paese, non solo per noi”.

La denuncia: i sussidi non sono ancora arrivati agli italiani

Per Montezemolo, il discorso sui sussidi diventa grave per la ragione che sarebbe d’accordo con quanto si è stabilito, se solo “questi sussidi fossero già nelle tasche degli italiani”. “Cosa che non è, e questo è molto grave, basta vedere cosa succede con molti piccoli imprenditori di ogni settore che sono costretti a chiudere“, ha rimarcato.

photo web source

La sostanza del suo attacco è che “bisogna guardare anche al domani, non solo all’emergenza”.

Giovanni Bernardi

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Lalucedimaria.it scrivendoci al seguente indirizzo: [email protected]