Coronavirus, il virologo Usa Anthony Fauci: a inizio 2021 ci sarà il vaccino

Per il virologo americano Anthony Fauci il vaccino contro il Coronavirus sarà pronto già a inizio 2021. Intanto i casi sembrano aumentare.

Il virologo statunitense Anthony Fauci durante la trasmissione televisiva Che Tempo Che Fa ha spiegato che a inizio 2021 il vaccino potrebbe già essere pronto – photo web source

Tanto da no fare escludere l’ipotesi di nuovi lockdown in arrivo. Lo scienziato, intervistato dal programma Rai condotto da Fabio Fazio “Che tempo che fa”, si sarebbe tuttavia detto molto ottimista sulla possibilità di trovare presto una cura per il virus che ha messo in ginocchio il pianeta dall’inizio del 2020.

Coronavirus, per il virologo Fauci a inizio 2021 ci sarà il vaccino

“Non è possibile dare un risposta definitiva sui tempi ma solo negli Usa, e non sono gli unici, ci sono 6 vaccini sottoposti a esami e 4 gia’ alla fase 3″, ha affermato il virologo statunitense durante l’intervista.

“Possiamo dire che saremo in grado di conoscere la probabilità di efficacia a novembre-dicembre, meno probabile a ottobre. Sono cautamente ottimista – ha continuato – che il vaccino sia efficace già a inizio 2021. Alcune aziende stanno già cominciando a produrlo”, è la tesi offerta da Fauci.

coronavirus
Coronavirus

Per il virologo americano il vaccino dovrà essere disponibile a tutti

Lo scienziato americano ha poi spiegato che, dal suo punto di vista, il vaccino dovrà essere “disponibile a tutti i Paesi, anche a quelli meno fortunati“. Fauci è uno scienziato ma anche consulente del presidente degli Stati Uniti d’America Donald Trump. Tuttavia il suo rapporto con Trump non è idilliaco, anzi è spesso altalenante. In più occasioni ci sono stati infatti diverbi tra i due, all’interno di un quadro, come quello americano, molto duro.

Fauci infatti ha infatti spiegato che i suoi rapporti con Trump non sono i migliori. “L’ho sentito un paio di settimane fa. Certo prima ci parlavo più spesso… ma sento frequentemente il suo vice”, si è limitato ad affermare.

coronavirus
Il virologo Anthony Fauci e il presidente degli Stati Uniti d’America Donald Trump durante una conferenza stampa – photo web source

Il rischio di una seconda ondata? Per Fauci “il pericolo c’è sempre”

Gli Stati Uniti sono infatti uno dei Paesi che ha subito maggiori ripercussioni a causa della pandemia, con oltre duecento mila decessi in totale. In queste settimane e mesi tuttavia si è anche parlato della possibilità che il virus sia mutato, e che in tal caso il vaccino avrebbe un’efficacia molto limitata se non quasi inutile.

A questo proposito Fauci ha rimarcato che sì, la probabilità che il virus sia mutato esiste ed è anzi molto alta. Ma che allo stesso tempo non ci si deve nemmeno preoccupare, perché questa è “non necessariamente più virulenta o più infettiva”. E che tuttavia al momento non esistono nemmeno “prove conclamate” di questi mutamenti.

coronavirus

Nel frattempo in tutta Europa si parla di un pericoloso nuovo aumento dei casi, tanto da fare pensare all’ipotesi di un’imminente seconda ondata, che potrebbe quindi portare anche a nuovi lockdown. “Il pericolo c’è sempre. Bisogna sempre stare attenti“, si è limitato a dire il virologo, scienziato molto vicino al precedente presidente statunitense Barack Obama.

Giovanni Bernardi

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Lalucedimaria.it scrivendoci al seguente indirizzo: [email protected]