Coronavirus, fase 2: arrivano le mascherine per i bambini da colorare

    Coronavirus: un’azienda veneta ha progettato le mascherine per i bambini. In vista della ripartenza si pensa anche alla protezione dei bambini.

    Mascherina bambini
    Mascherina per bambini (photo Gettyimages)

    In vista delle graduali riaperture e della cosiddetta “fase 2”, si inizia a pensare anche alla protezione dei bambini. Come riporta l’agenzia di informazione Ansa, ad esprimersi sulla questione è intervenuta la ministra della Famiglia Elena Bonetti, che durante un intervento ha ribadito l’importanza di proteggere i bambini e di “abituarli” all’utilizzo di mascherine. Un grande aiuto, in questo senso, viene dall’azienda di Feltre (Veneto) Piave Maitex, leader nella produzione di tessuti elastici per capi d’abbigliamento.

    Le mascherine per bambini

    La nota azienda veneta si è messa in prima linea nella lotta al Coronavirus, mutando gran parte del proprio lavoro e iniziando un’intensa produzione di mascherine in “tessuto elastico”. Già a partire dallo scorso marzo, l’azienda ha progettato le mascherine elastiche in tre misure, utili sia per adulti che per adolescenti e bambini. L’utilizzo del tessuto elastico, come spiega Lydia Barbini, amministratrice della Piave Maitex, le cui parole sono state riportate da Ansa, è il segreto della loro efficacia. In modo particolare, è stato fatto un gran lavoro per le mascherine destinate ai bambini.

    La possibilità di colorarle

    Una delle svolte della fabbrica veneta riguarda infatti proprio le mascherine destinate ai più piccoli. Come ha messo in luce l’amministratrice Barbini, le mascherine per i bambini, oltre ad adattarsi bene al viso, hanno la possibilità di essere colorate con i pennarelli, un modo per invogliare i più piccoli ad indossarle: “Sulla parte centrale il colore resta e alcuni si sentono Spider!”.

    Una grande richiesta

    Dal giorno in cui l’azienda veneta ha iniziato a produrre materiale utile alla lotta al Covid-19, la richiesta è aumentata progressivamente. A partire dal 25 marzo è iniziata la vendita  e, dalle prime 5000 vendite al giorno, si è arrivati oggi a circa 60 mila vendite. La clientela ha fin da subito ammirato l’efficacia di tali mascherine che garantiscono protezione grazie a una trama molto fitta, idrorepellente e lavabile fino a 40 volte a 60 gradi. La richiesta non è solo locale. Le mascherine della Piave Maitex hanno infatti mercato anche in Sicilia e a Napoli.

    Obiettivi futuri

    La nota azienda, attiva dall’inizio del Novecento, non vuole fermarsi e si è già posta nuovi obiettivi. La prossima idea è quella di produrre mascherine che non proteggano solo chi le indossa, ma “anche chi sta vicino”. L’azienda si è già messa al lavoro e nel giro di due settimane dovrebbero arrivare i risultati dei test universitari, al fine di ricevere il marchio Ce.

    Leggi anche: Coronavirus, CEI: in Fase 2 “La Chiesa non sia discriminata”

    Fabio Amicosante

    Segui tutte le nostre News anche attraverso il nuovo servizio di Google News, CLICCA QUI

     

    La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Lalucedimaria.it scrivendoci al seguente indirizzo: [email protected]