Coronavirus, Smart Working: un diritto per chi ha figli minori di 14 anni

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:56

Con il decreto rilancio, il governo ha confermato delle misure assistenziali per i genitori e le famiglie, tra queste anche il diritto allo smart working.

foto dal web

Qualora il lavoro svolto sia compatibile con l’attività in remoto, il datore di lavoro sarà obbligato a concedere al dipendente di rimanere a casa.

Misure a favore dei genitori

Tra le tante agevolazioni implementate dal governo nel decreto Rilancio, c’è una parte corposa dedicata a misure di sussistenza per i genitori. Con le scuole chiuse sino a settembre, infatti, i genitori che sono tornati al lavoro si trovano nell’impossibilità di accudire i propri figli. La prima opportunità di sopperire all’assenza delle lezioni riguarda il rinnovo del bonus babysitter, aumentato sino 1200 euro da qui sino alla fine dello stato d’emergenza (il 31 luglio prossimo).

Leggi anche ->Decreto Rilancio in Gazzetta: le 15 cose da sapere

Il bonus in questione, nei mesi estivi, può essere spendibile per pagare i centri estivi. In aggiunta è stato prolungato di ulteriori 15 giorni il congedo parentale e sono stati previsti 12 giorni di assenza in più per chi si deve occupare di un disabile. Infine è stato reso obbligatorio lo smart working per quei lavori che possono essere effettuati da remoto. Quest’ultima misura, nei mesi scorsi obbligata per tutti a causa del lockdown è l’assoluta novità per le famiglie.

Leggi anche ->Coronavirus, Decreto Rilancio: 55 mld per aziende e lavoratori – i dettagli

Chi ha diritto allo Smart Working

Il diritto allo smart working scatta per quei genitori che hanno in casa figli di età inferiore ai 14 anni ed il cui coniuge non usufruisce di misure di sussistenza. Pertanto se in famiglia c’è qualcuno che percepisce il reddito di cittadinanza, la disoccupazione o è messo in cassa integrazione, non potrà essere richiesto. Qualora ci siano le condizioni, però, il datore di lavoro non potrà opporsi alla richiesta del dipendente e dovrà fornirgli l’attrezzatura per lavorare qualora questo non l’abbia a disposizione in casa.

Conte Decreto Rilancio
photo web source

Le modalità e gli orari di lavoro dovranno essere pattuiti tra il dipendente ed il datore di lavoro ai sensi della legge n. 81 del 22 maggio 2017, articoli da 18 a 23. Sarà cura e obbligo dell’azienda che dà il lavoro, comunicare quali dei suoi dipendenti stanno lavorando da casa e per quale periodo è stata effettuata la richiesta al Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali.

Segui tutte le nostre News anche attraverso il nuovo servizio di Google News, CLICCA QUI

Luca Scapatello

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Lalucedimaria.it scrivendoci al seguente indirizzo: [email protected]