Coronavirus, a Roma il “Drive-in” del tampone: il test si fa direttamente in auto

    A partire da aprile, a Roma è iniziato il “Drive-in” del tampone: persone selezionate e potenzialmente a rischio vengono invitate fare il test in auto.

    (Websource Archivio)

    Il modello è stato attuato per la prima volta in Corea del Sud ed è stato ripreso in varie regioni. Adesso anche la Capitale ha deciso di adottarlo per aumentare il numero dei controlli.

    Coronavirus: a Roma iniziati i test senza scendere dall’auto

    Con il numero di contagi e quello dei decessi che non si arresta, è emersa la necessità di dover accelerare la raccolta di tamponi oro-faringei per i test sul Coronavirus. Per farlo a Roma si è deciso di adottare il metodo “Drive-in”. I pazienti selezionati per il test si recano presso il posto indicato dalla Sisp (Servizio Igiene e Sanità Pubblica) con la propria auto e vengono accolti dai medici.

    Leggi anche ->Dal Coronavirus al silenzio di Medjugorje cosa impareremo da tutto questo

    In questo modo vengono invitati un numero più ampio di possibili positivi a cui, non dovendo accoglierli nella struttura ospedaliera e farli aspettare, viene prelevato rapidamente il campione utile all’analisi. Per il momento il tampone stile ‘Drive-in’ viene applicato esclusivamente sul territorio della Asl Roma1, presso il complesso Santa Maria della Pietà. Non è escluso, però, che nei prossimi giorni tale decisione venga estesa anche ad altri territori della capitale.

    Leggi anche ->Coronavirus: il pronto soccorso si svuota, il segnale positivo da Parma

    Come funziona il test in auto

    È partito oggi il nostro servizio di effettuazione #tamponi in modalità #drivein. Senza scendere dalle #auto le persone…

    Pubblicato da ASL Roma 1 su Mercoledì 1 aprile 2020

    A spiegare come funziona il test ed il perché è stata presa questa decisione è stato Enrico Di Rosa, direttore del Sisp della Asl Roma1: “Questa metodologia consente di ottimizzare l’utilizzo delle risorse sia umane che di dispositivi di protezione – spiega – e consente di aumentare di molto la nostra capacità produttiva. Fino a ora abbiamo fatto complessivamente circa 300 tamponi”. Chiaramente non tutti i cittadini sono chiamati a fare il test. In base alle segnalazioni, sarà il Sisp a decidere chi sottoporre al test. Una volta individuati i pazienti a rischio contagio, si procederà con una convocazione presso la struttura. Un simile espediente, inoltre, può essere utile per valutare le condizioni del personale medico in isolamento per sospetto contagio.

    Segui tutte le nostre News anche attraverso il nuovo servizio di Google News, CLICCA QUI

    Luca Scapatello

    La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Lalucedimaria.it scrivendoci al seguente indirizzo: redazione@lalucedimaria.it