Commento alla Parola di oggi: “Questi è il Figlio mio, l’amato”

“Questi è il Figlio mio, l’amato: in lui ho posto il mio compiacimento. Ascoltatelo”. Questa la Parola del Signore di oggi tratta dal Vangelo secondo Matteo.

Il Vangelo di oggi ci dice

I discepoli assistono alla trasfigurazione di Gesù sul monte, poi odono la voce del Signore che gli ordina di porre la loro fede in suo Figlio.

Chiamati in disparte Pietro, Giacomo e Giovanni, il Messia si reca in cima ad un monte alto e si mette a pregare. I tre discepoli assistono alla sua trasfigurazione e ad una discussione tra il Messia, Mosè ed Elia. Pietro è estasiato da quell’esperienza e propone di costruire tre capanne per i profeti ed il maestro. Ma poco dopo averlo proposto viene bloccato da una voce altisonante che dice a lui e agli altri discepoli che quello che chiamano Maestro è suo figlio sceso in terra.

Dal Vangelo secondo Matteo (17, 1-9):

“In quel tempo, Gesù prese con sé Pietro, Giacomo e Giovanni suo fratello e li condusse in disparte, su un alto monte. E fu trasfigurato davanti a loro: il suo volto brillò come il sole e le sue vesti divennero candide come la luce. Ed ecco apparvero loro Mosè ed Elia, che conversavano con lui. Prendendo la parola, Pietro disse a Gesù: «Signore, è bello per noi essere qui! Se vuoi, farò qui tre capanne, una per te, una per Mosè e una per Elia».

Egli stava ancora parlando, quando una nube luminosa li coprì con la sua ombra. Ed ecco una voce dalla nube che diceva: «Questi è il Figlio mio, l’amato: in lui ho posto il mio compiacimento. Ascoltatelo». All’udire ciò, i discepoli caddero con la faccia a terra e furono presi da grande timore. Ma Gesù si avvicinò, li toccò e disse: «Alzatevi e non temete». Alzando gli occhi non videro nessuno, se non Gesù solo. Mentre scendevano dal monte, Gesù ordinò loro: «Non parlate a nessuno di questa visione, prima che il Figlio dell’uomo non sia risorto dai morti»”.

Commento alla Parola di oggi

La Parola di oggi (ecco il commento del Santo Padre) è un invito all’incontro con Gesù. E’ la voce del Padre Eterno che parla ai discepoli di Cristo e quindi a tutti noi e confida loro che il Cristo è il salvatore, l’amato, colui che guiderà l’umanità verso il Regno dei Cieli. Con quella investitura, il Signore ci chiede apertamente di affidare il nostro destino e la nostra vita nelle mani sapienti di Cristo, così da poter trovare quel percorso di redenzione che cerchiamo sin dalla nascita, fino al raggiungimento della vita eterna.

Luca Scapatello

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Lalucedimaria.it scrivendoci al seguente indirizzo: [email protected]