Esiste una devozione per ogni mese dell’anno

Esiste una devozione per ogni mese dell'anno
Calendario Liturgico

Seguendo il calendario liturgico, possiamo commemorare diverse ricorrenze, lungo l’arco dei 12 mesi dell’anno.
Inoltre, il calendario della forma Straordinaria del Rito Romano indica una devozione per ogni mese, sulla base degli eventi che si ricordano in quel periodo specifico.

Queste devozioni possono variare da Paese in Paese o da occidente ad oriente.
In linea di massima, ecco quali sono le devozioni mensili più diffuse:
Gennaio è il mese dedicato al Santissimo Nome di Gesù, alla sua Santa Infanzia. Come era usanza per i bambini maschi degli ebrei, infatti, Gesù, otto giorni dopo la nascita (il Natale), fu circonciso, al momento di assegnargli il nome. L’Angelo, parlando di Maria, aveva detto a Giuseppe: “Essa partorirà un figlio e tu lo chiamerai Gesù”.

Febbraio è il mese dedicato alla Sacra Famiglia (ma anche allo Spirito Santo, che qualche Paese commemora in Aprile) e celebra alcuni avvenimenti pubblici e privati della vita di Gesù, mentre era ancora sotto la cura di Giuseppe e di Maria, prima, dunque, che cominciasse la sua predicazione.
Ecco un esempio, citato nel Vangelo: “I suoi genitori si recavano tutti gli anni a Gerusalemme per la festa di Pasqua. Quando egli ebbe dodici anni, vi salirono di nuovo secondo l’usanza”.

Marzo è il mese dedicato a San Giuseppe; lo ricorda il 19. Lui è lo sposo della Vergine Maria e il padre putativo di Gesù, l’uomo giusto, casto, fedele, lavoratore e mite per eccellenza, che ha rispettato la chiamata della sua sposa e il volere di Dio su di lei.
“Giuseppe suo sposo, che era giusto e non voleva ripudiarla, decise di licenziarla in segreto. Mentre però stava pensando a queste cose, ecco che gli apparve in sogno un angelo del Signore e gli disse: “Giuseppe, figlio di Davide, non temere di prendere con te Maria, tua sposa, perché quel che è generato in lei viene dallo Spirito Santo”.”.

Aprile è il mese dedicato all’Eucaristia

Aprile è il mese dedicato all’Eucaristia, al SS. Sacramento, ma anche allo Spirito Santo (qualche Paese lo celebra in Febbraio) e alla Divina misericordia.
Nelle settimane di questo mese, si svolge gran parte della Quaresima. L’Eucaristia si rende viva, come è espressa dal Sacrificio di Cristo durante la Santa Pasqua, culmine del periodo quaresimale. Dalla croce, dal petto squarciato del Cristo morto per noi, scaturirà il torrente della Divina misericordia.

Su ogni altare, durante ogni Santa Messa, Gesù continua ad offrirsi, come nostro cibo, vittima immolata per salvarci dal peccato.
Gesù, parlando a Suor Faustina e descrivendo l’immagine della sua misericordia, disse: “Il raggio pallido rappresenta l’Acqua che giustifica le anime; il raggio rosso rappresenta il Sangue che è la vita delle anime … Entrambi i raggi uscirono dall’intimo della mia misericordia, quando, sulla croce, il mio cuore, già in agonia, venne squarciato con la lancia”.

Maggio è il mese dedicato alla Vergine Maria, in diverse date: l’8 si ricorda la Beata Vergine del Rosario di Pompei, il 13 Nostra Signora di Fatima, il 24 Santa Maria Ausiliatrice, il 31 la Visitazione di Maria a Santa Elisabetta: “ … anche Elisabetta, tua parente, nella sua vecchiaia, ha concepito un figlio e questo è il sesto mese per lei, che tutti dicevano sterile: nulla è impossibile a Dio”, aveva detto l’Arcangelo Gabriele a Maria, annunciandole che sarebbe diventata Madre del Signore.

Giugno è il mese dedicato al Sacro Cuore di Gesù, che si celebra nella data del terzo venerdì, dopo la Pentecoste. Il culto si diffuse anche grazie a Santa Margherita Maria Alacoque (1647-1690), definita la Sposa del Sacro Cuore di Gesù. Si propagò, poi, la pratica del 1° venerdì del mese, secondo la promessa fatta a Santa Margherita proprio da Gesù: “Io ti prometto, nell’eccesso della misericordia del mio Cuore, che il mio amore onnipotente concederà la grazia della penitenza finale a tutti coloro che si comunicheranno il primo venerdì del mese, per nove mesi di seguito. Essi non morranno nella mia disgrazia, ne senza avere ricevuto i Santi Sacramenti e, in quegli ultimi momenti, il mio Cuore darà loro un sicuro asilo”.

Luglio è il mese dedicato al Preziosissimo Sangue

Luglio è il mese dedicato al Preziosissimo Sangue di Gesù e inizia proprio con questa celebrazione.
Santa Caterina da Siena affermava: “Chi con la mano del libero arbitrio prende il Sangue di Cristo e lo applica al suo cuore, anche se è duro come diamante, lo vedrà aprirsi al pentimento e all’amore”.

Il Sangue di Cristo e la sua devozione richiamano alla mente due episodi particolari: il vino che, all’Ultima Cena di Gesù con gli Apostoli, si trasforma in Sangue (come avviene tuttora in ogni Messa celebrata nel mondo) e il fatto che Giuseppe D’Arimatea (che si occuperà della sepoltura di Gesù) avesse raccolto, nello stesso calice della Cena, il Sangue di Cristo, caduto nella crocifissione. Il Sangue di Cristo lava il peccato del mondo intero. Per questo, la devozione al Sangue di Gesù ci assicura protezione contro ogni forza oscura.

Agosto è il mese dedicato a Dio Padre Onnipotente e al Cuore Immacolato di Maria,
che si celebra nella data del terzo sabato, dopo la Pentecoste (il giorno che segue la commemorazione del Sacro cuore di Gesù).
In seguito all’apparizione della Vergine a Lucia (a Fatima), con la promessa del Cuore Immacolato di Maria, si introdusse la pratica del 1° sabato del mese: “A tutti coloro che per cinque mesi, al primo sabato, si confesseranno, riceveranno la santa Comunione, reciteranno il Rosario e mi faranno compagnia per quindici minuti meditando i Misteri, con l’intenzione di offrirmi riparazioni, prometto di assisterli nell’ora della morte con tutte le grazie necessarie alla salvezza”.

Settembre è il mese dedicato alla Esaltazione della Santa Croce, il 14; a Maria Addolorata, il 15; a San Michele Arcangelo, il 29, nostro difensore nelle battaglie contro il male: “Or in quel tempo sorgerà Michele, il gran principe, che vigila sui figli del tuo popolo”.

Ottobre è il mese dedicato al Santo Rosario, poiché il 7, dell’anno 1571, l’Europa cristiana si liberò dai musulmani, nella battaglia di Lepanto. Papa San Pio V aveva chiesto agli eserciti cristiani di portare l’ “arma del Rosario”.
Santa Teresina esprimeva così la potenza del Rosario: “Col Rosario si può ottenere tutto. Esso è una lunga catena che lega il cielo alla terra; una delle estremità è nelle nostre mani e l’altra in quelle della Santa Vergine”.
Questo è anche il mese dedicato alle missioni e agli Angeli custodi.

Novembre è il mese dedicato alle anime del Purgatorio, ai nostri defunti. Nella settimana tra il 1° e l’8 si possono ottenere indulgenze plenarie per i nostri cari, con la visita al cimitero e una preghiera a loro dedicata, previa confessione ed Eucarestia, nonché una preghiera, secondo le intenzioni del Santo Padre (Pater, Ave, Gloria).

Dicembre è il mese dedicato all’Avvento (attesa e preparazione alla nascita di Gesù) e al Santo Natale, nonché alla Immacolata Concezione: “O Maria, preservata anche dal peccato originale per eterno disegno di Dio Padre e Figlio e Spirito Santo …”.

Antonella Sanicanti