Una chiesa che diventa dormitorio. Ma i fedeli non ci stanno – Video

Vera integrazione o meno, accoglienza oppure no: questo è quello che in molti si stanno chiedendo. Ecco cosa è accaduto in una chiesa.

migranti chiesa
photo web source: repubblica.it

Da parrocchia quale era, ecco che è stata trasformata in un dormitorio improvvisato per immigrati. Un video ci dimostra cosa è successo.

La chiesa che diventa dormitorio

Davanti a una chiesa, ecco che si vedono entrare ed uscire migranti. Al suo interno, materassi accatastati, tende improvvisate fra i banchi dove, prima, i fedeli si siedevano e si riunivano per celebrare la Santa Messa. Ora, invece, è tutto sotto sopra.

Siamo a Vicofaro, in provincia di Pistoia, nella parrocchia di “Santa Maria Maggiore” e quello che si vede in questo video della giornalista Costanza Tosi, tutto sembra fuochè una parrocchia. Qui, il parroco ha allestito un vero e proprio dormitorio all’interno della parrocchia stessa, dove ogni sera gli immigrati si rifugiano e trovano un letto dove dormire, magari, anche su un materasso improvvisato.

Non c’è nessun rispetto di regole Covid

Non c’è distanziamento sociale, non c’è uso di mascherine, non c’è nessuna regola Covid. All’ingresso delle telecamere, la reazione degli ospiti non è delle migliori tanto che, gli stessi migranti, intimano alla giornalista ed al suo cameraman di uscire fuori. La reazione del parroco, all’ingresso delle telecamere, non è stata delle migliori: “In chiesa si va per pregare non per riprendere i migranti” – ha detto alla giornalista.

Ai fedeli non piace la situazione

La situazione non sembra esser gradita nemmeno ai fedeli della parrocchia: “Non si può andare a Messa, dovendo entrare e scavalcare i materassi” – affermano i fedeli.

Accoglienza o presa di posizione da parte di chi è ospitato?

Fonte e Video: Facebook/Costanza Tosi

ROSALIA GIGLIANO

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Lalucedimaria.it scrivendoci al seguente indirizzo: [email protected]