Covid – Cartelle esattoriali: lo stop ci sarà, arrivano i dettagli

Nel nuovo Decreto, che a breve verrà approvato ed illustrato a tutti i cittadini, c’è una nota che riguarda le cartelle esattoriali.

cartelle esattoriali
photo web source

Uno stop all’invio di nuove cartelle esattoriali fino alla fine del 2021. Ecco le novità che saranno contenute all’interno del nuovo Decreto.

Decreto esattoriale in arrivo per gli italiani

Trapelano le prime indiscrezioni circa il nuovo Decreto che, a breve verrà presentato dal Governo e dal premier Conte a tutti i cittadini italiani, riguarda gli aspetti economici del nostro Paese. In una situazione difficile come quella che stiamo vivendo, a causa dell’epidemia da Coronavirus, l’Italia deve “fare i conti nel vero senso della parola, per far quadrare le casse dello Stato.

Blocco riscossione cartelle esattoriali fino al 2021

Una boccata d’ossigeno, però, è per coloro hanno debiti con il Fisco italiano. Saranno bloccate, infatti, le emissioni di tutte le cartelle esattoriali, almeno fino alla fine del 2021. Il Governo infatti ha bloccato l’emissione, anche sul fatto che l’Agenzia della riscossione si preparava a riattivare da lunedì dopo la scadenza della moratoria lo scorso 15 ottobre.

Le cartelle già inviate vedranno anche loro lo stop, anche con i relativi pignoramenti fino al 31 dicembre.

cartelle esattoriali 1
photo web source

Decreto esattoriale: il “decreto light”

Tutto questo sarà contenuto nel Decreto sulla riscossione esattoriale sul tavolo del Consiglio dei ministri. Tale decreto è stato, da molti, definito un “decreto light”, perché fatto di soli due articoli. Ma forse, in un momento storico ed economico difficile come questo, lo  consideriamo davvero “di salvataggio” per molte famiglie ed imprese italiane.

Fonte: ansa.it

ROSALIA GIGLIANO

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Lalucedimaria.it scrivendoci al seguente indirizzo: [email protected]