Card. Gracia: Suora violentata è una vergogna nazionale.

suora

La religiosa salesiana aggredita una settimana fa in Chhattisgarh ha confermato di essere stata violentata. A volto coperto e sostenuta da leader cristiani e attivisti per i diritti umani, la suora ha raccontato ai giornalisti l’aggressione. Arcivescovo di Mumbai: “Le donne trattate come un oggetto, e questo è un male sociale in crescita. Urgente che tutta la società lavori per porre fine a questa discriminazione e svalutazione”.

Mumbai (AsiaNews) – È stata stuprata la suora cattolica aggredita il 20 giugno scorso a Raipur, in Chhattisgarh. Lo ha confermato lei stessa ieri, raccontando quanto le è accaduto in una conferenza stampa, a cui ha partecipato a volto coperto. Contattato da AsiaNews, il card. Oswald Gracias, arcivescovo di Mumbai e presidente del Consiglio dei vescovi cattolici di rito latino in India (Ccbi), ha dichiarato: “Apprendo con profondo dolore della violazione subita da una nostra religiosa. È una vergogna nazionale e una disgrazia che le nostre donne siano abusate e stuprate”.

In un primo momento, la polizia aveva messo in dubbio che la religiosa, salesiana delle Missionarie di Maria Immacolata, avesse subito violenza sessuale. Tuttavia la suora, 47 anni, ha confermato di non aver mai detto negato di essere stata stuprata.

Sostenuta da leader cristiani e attivisti per i diritti umani, con coraggio la religiosa ha raccontato ai giornalisti il suo stupro. Due uomini a volto coperto sono entrati nella sua stanza al Christ Help Centre (Khrist Sahay Kendre) intorno all’1:30 del mattino. Quando lei ha chiesto loro se volevano soldi, hanno replicato: “Vogliamo qualcosa di più”. Uno di loro l’ha bloccata, mentre l’altro la costretta a ingoiare delle droghe e l’ha imbavagliata con uno straccio. I due poi l’hanno legata al letto con il suo sari e hanno usato una sciarpa per legarle le mani, prima di usarle a turno violenza.

La suora, originaria del Kerala, era sola al momento dell’aggressione. È stata trovata il giorno seguente in stato di incoscienza dalla sua superiora, preoccupata per non aver ricevuto risposta alle sue chiamate.

“Sono addolorato – afferma il card. Gracias ad AsiaNews – che questo sia accaduto a una donna consacrata, che ha dedicato la sua vita a Dio. La nostra suora è stata violata in un dispensario medico, il luogo dove ogni giorno offre i suoi servizi per sanare le ferite delle persone”.

“Da decenni – sottolinea – la Chiesa cattolica in India lavora senza sosta per l’emancipazione delle bambine e per migliorare la dignità delle donne, attraverso i nostri apostolati educativi, sanitari e sociali. È straziante vedere come varie forze sociali coltivano la misoginia e formano idee sulla dominazione maschile e la svalutazione delle donne, [comportamenti] che possono normalizzare un atteggiamento abusivo”.

Secondo il porporato “l’oggettivazione delle donne è un male sociale in crescita. Incredibilmente, la società minimizza e banalizza tutte le forme di violenza sulle donne, perfino prima della loro nascita [aborti selettivi femminili, ndr]. È urgente ed essenziale che leader politici e religiosi, agenzie governative, istituti educativi e sanitari, polizia, organi di stampa, Ong e società civile si impegnino tutti insieme per porre fine a questa discriminazione e svalutazione delle ragazze e delle donne. Per dare inizio a un’era illuminata, dove le donna possano rivendicare la giusta dignità che spetta loro”.