Bologna, la prof ha il cancro: nasce il crowdfunding degli studenti

Quanto è grande l’amore degli studenti verso una professoressa?

Gli studenti lanciano una campagna di raccolta fondi per permettere alla loro professoressa di accedere alle cure sperimentali anticancro.

Bologna solidarietà per Luisa

All’Università di Bologna c’è un solo obiettivo: poter aiutare la prof. Luisa a guarire dal cancro. Una campagna di crowfunding è partita, trovando subito ben 3000 persone disposte a donare ed aiutare la donna.

Luisa, la prof di Bologna con il cancro e le cure dispendiose

Luisa insegna Statistica all’Ateneo emiliano e da quasi 5 anni combatte con il terribile male, un carcinoma al seno. Non ha mai voluto far trapelare nulla ai suoi studenti ma, durante una lezione, decide di aprire il suo cuore ai suoi studenti e raccontare loro il suo terribile momento. Gli studenti restano attoniti di fronte alle parole della loro insegnante: la inondano del loro affetto attraverso messaggi, email…tutto ciò che possa darle la forza di combattere ed andare avanti.

Anzi: qualcuno prova anche a chiederle e a capire se c’è una soluzione a tutto ciò. La cura c’è: costa 500mila euro, pone un viaggio negli Stati Uniti ma, purtroppo lei non può permettersela. Ma l’amore di amici e studenti è più grande di ogni malattia: si rimboccano le maniche e, in pochi mesi, la raccolta raggiunge la cifra di 200mila euro.

luisa studenti cancro raccolta fondi
www.luisavive.it (screenshot)

Bologna, la fede della prof Luisa e l’affetto degli studenti

“Non mi aspettavo un affetto così grande da parte di tutti loro” – dichiara la professoressa, che è rimasta colpita, in particolare, dalla lettera di una sua allieva che le descrive che, nonostante da piccola abbia ricevuto un’educazione cattolica dai suoi genitori, ancora oggi non riesce a capire o ad identificarsi in alcune regole di essa. “Forse Dio mi sta sussurrando all’orecchio che, al di là di regole e preghiere, lui è anche segno di questo amore così grande che ci sta facendo sentire tutti uniti e vicini a lei professoressa, in questo momento così tragico […]” – scrive la sua alunna.

La fede di Luisa, invece, cresce ogni giorno di più: “Io credo in Dio e so che lui non ci abbandona mai”.E come disse anche Gesù, Chiedete e vi sarà dato! La forza di Luisa nella sua battaglia contro il cancro è presente anche nelle preghiere di tutti noi, ogni giorno.

ROSALIA GIGLIANO

FONTE: avvenire.it

AIUTIAMO LUISA: https://www.luisavive.it/#luisa