Bisogna Rinunciare all’occulto: Facciamolo se abbiamo avuto contatti volontari o involontari

 

PREGHIERA DI RINUNCIA ALL’OCCULTO

Don Basham

Dobbiamo riconoscere il nostro coinvolgimento, anche “innocente” con le pratiche occulte, pentircene e rinunziarvi per sempre. Questo nostro coinvolgimento infatti, ha aperto la porta della nostra vita a spiriti cattivi che ci impediscono di camminare col  Signore.

Premessa

Innanzitutto dovete ricordare che il vostro problema potrebbe non aver niente a che fare con l’attività diabolica! Non mi rivolgo mai ad una vasta adunanza di persone senza che alla fine non accada che, un certo numero di anime languide e melanconiche, stia ad aspettarmi per chiedere di essere liberate dai seguenti “demoni”: tabacco, pigrizia, inquietudine, invidia o quant’altro, quando il vero guaio è la loro mancanza di auto-controllo, di fiducia, d’amore e di altre virtù da conquistarsi con fatica ed impegno.

Prima di decidere di essere afflitti da un demonio, fate questa prova:

è avete sottoposto il problema a prolungata preghiera, disciplina e obbedienza a ciò che ritenete Dio vi stia dicendo?

Infatti, solo dopo aver provato seriamente ad applicare queste cose – e senza risultato – solo allora è il momento di considerare la liberazione.

Per quanti poi sono davvero afflitti da tormento o influenze diaboliche, o hanno avuto contatti con l’occulto, ecco qui la lista di controllo:

Passi preliminari della rinuncia all’occulto

1 L’impegno con Gesù Cristo

Le promesse di aiuto divino che troviamo nel Nuovo Testamento sono per quelli che appartengono a Gesù Cristo. La liberazione quindi comincia con la nostra resa al Liberatore. Se non vi siete ancora arresi, fatelo adesso. Impegnatevi (o tornate ad impegnatevi) affidando la vostra vita a Gesù Cristo, e fatelo nel modo più completo e totale possibile. Ecco una preghiera che può risultare efficace:

Caro Signore Gesù Cristo,

Confesso di aver peccato, e che come peccatore merito solo il Tuo giudizio, non la Tua misericordia. Ma credo che tu sei morto sulla Croce per me e che hai versato il Tuo sangue per il mio peccato. Ora io confesso tutti i miei peccati, e mi pento sinceramente. [Siate specifici: chiamate per nome i peccati che conoscete.] Ti chiedo di perdonarmi. Accetto il Tuo sacrificio sulla Croce per i miei peccati. Accetto Te come mio Signore e Salvatore personale e Ti chiedo di entrare nel mio cuore e di regnare in me. Grazie per avermi perdonato e per avermi salvato. Ti prometto che da ora in poi vivrò per Te. Grazie Signore. Amen.

2Dobbiamo perdonare gli altri

Per ottenere il perdono, non basta confessare i peccati, ma c’è di più.

è Per essere perdonati da Dio dobbiamo a nostra volta perdonare gli altri, coloro che ci hanno offeso o ci hanno fatto del male.

Gesù, infatti, ha dettoSe voi non perdonate agli uomini le loro mancanze, neppure il Padre vostro perdonerà le vostre mancanze” (Matteo 6,15).

Non potremo mai sottolineare abbastanza la necessità di perdonare tutti quelli che vi hanno fatto dei torti o che vi hanno ferito!

Quante volte ho visto la liberazione bloccata da un atteggiamento di mancato perdono da parte della persona che cercava aiuto; proprio come tantissime volte ho visto le persone liberate, quando finalmente hanno perdonato.

è Satana e la sua turba sono dei legalisti. Conoscono bene i loro diritti.

è Finché una persona ospita in cuore il risentimento e il mancato perdono, gli spiriti cattivi hanno il diritto di restare; quell’odio e quel risentimento sono il “terreno” su cui possono rimanere: è il loroterritorio.

“Ma chi devo perdonare?” mi chiedono spesso.

è La mia risposta è: “Devi perdonare ogni persona il cui nome fa agitare in te sentimenti di amarezza o di ostilità; ogni nome che ti brucia nella memoria quando ci pensi.

è Molto spesso si tratta di qualcuno che ti vive accanto e che ami di più: marito, moglie, figlio, figlia, padre, madre, amico, socio in affari.

Per quanto possa averti ferito, o per quanto egli abbia davvero torto e tu abbia davvero ragione, devi ugualmente perdonarlo.

è Ricorda che il perdono non è un sentimento, ma una decisione. Tutto ciò che richiede è solo una preghiera semplice, appoggiata da un atto sincero della volontà:

è “Nel nome di Gesù io perdono ……. ” E perdonare uno ad uno tutti coloro che “ritenete” vi abbiano fatto del male. Tutto qui.

Ma non potete, non dovete trascurare questa tappa, se davvero volete la liberazione.

3 La rinuncia all’occulto

Una delle maggiori porte di accesso per i demoni è il coinvolgimento in varie forme di occultismo, e poiché oggi l’occulto è dovunque in drammatica ascesa, ho scoperto quanto sia essenziale che

è ogni persona in cerca di liberazione faccia un atto definito di rinuncia e di dissociazione da ogni forma di fenomeni psichici e occulti.

La rinuncia deve essere la più completa ed enfatica possibile. Qui non stiamo facendo un gioco di società; può significare la differenza tra la vita e la morte, tra una vita frustrata e una vittoriosa.

Nel confessare i peccati, la maggior parte della gente parla di cose come odio, ira, libidine, ingordigia e altri atteggiamenti e appetiti della carne,

è ma spesso non si rende conto del male assai più subdolo che si nasconde in pratiche quali l’astrologia, predizione del futuro, carte, stregoneria, maghi, spiritismo, lettura della mano, negromanzia, parlare coi morti, la scrittura automatica, la guida da parte dello spirito di un morto e gli spiriti-guida, e cose simili.

è Vanno considerate anche le adesioni ad altre spiritualità non cristiane – come lo yoga ad esempio, che fatto secondo le pratiche indù, porta all’idolatria [adorazione di altri dèi, che poi sono demoni], laNew Age, Scientology, UFO, e tutta quella massa di nuove “spiritualità” che in pratica cercano una guida “al di fuori di Dio“. Si deve sempre voltare la schiena a tutte quelle pratiche psichiche ed arti occulte.

Ci si deve pentire anche per aver fatto queste cose sbagliate, ma soprattutto per aver offeso Dio. Si tratta infatti del più grave peccato contro di Lui: è un adulterio spirituale.

–          Si deve rinunziare totalmente a questo tipo di peccati, e chiedere perdono,

–          chiudere definitivamente quella porta del nostro passato e

–          promettere solennemente di non tornare più a commettere queste gravi trasgressioni contro Dio.

 

Poi, per i cattolici in particolare, sarà necessaria una bella confessione. Se eventualmente dovessero persistere  alcuni problemi, sarebbe consigliabile l’aiuto di un sacerdote specializzato in questo tipo di difficoltà, affinché ci aiuti a liberarci in maniera definitiva dalle influenze sataniche.

Infatti, ecco cosa accade al livello spirituale:

q       Quando pecco in generale, io apro la porta a Satana, che ha il diritto di intervenire nella mia vita; e fino a  quando non riconosco il peccato, non mi pento nel modo giusto (cioè non solo perché IO ho sbagliato, ma soprattutto perché ho offeso DIO) e non rinunzio a ricadere di nuovo in quella colpa, io vivo in un altro regno, che non è quello di Dio;

q       ma molto più  quando si tratta di un peccato che riguarda l’occulto.

–          In questo caso io disconosco Dio come Dio,

–          e affermo che il mio dio è un altro, il nemico di Dio. Gli spalanco le porte della mia vita, lo invito ad entrare e a dominare la mia vita, ad essere lui la mia guida e il mio ispiratore.

q       Satana sa mascherarsi molto bene, spesso anche con suggerimenti “buoni”, purché non siano la volontà di Dio.

q       Ma se ci pentiamo davvero e rinunziamo radicalmente a tutto l’occulto, Dio ci riaprirà le porte della relazione autentica con lui.